Bagno

Come stuccare giunti su piastrelle: stuccatura di criteri di selezione, metodi di applicazione

Come sovrascrivere le cuciture su una piastrella

La fase finale della posa di piastrelle su pareti o pavimenti è la stuccatura: riempire le giunture con un composto appositamente preparato, il cui colore può corrispondere al colore della superficie rivestita o, al contrario, essere contrastante. Se necessario, anche le cuciture trattate vengono trattate con sigillante. Oltre alla funzione decorativa, la malta protegge le giunture dall’umidità e può nascondere possibili difetti di muratura, ma una cattiva esecuzione può rovinare l’aspetto di una piastrella perfetta. I consigli su come stuccare correttamente i giunti sulle piastrelle aiuteranno a prevenire errori e prolungheranno la vita di un pavimento in ceramica bello e resistente o un rivestimento murale in qualsiasi stanza della casa.

Soddisfare

  • Gamma di materiali per stuccatura
  • Larghezza della cucitura – fattore di selezione
  • Come sovrascrivere: consigli e suggerimenti
  • Pasta di cottura per malta
  • stuccatura
  • Utilizzando una sacca per malta liquida
  • Lavaggio a cazzuola a secco
  • Pulizia finale a umido
  • Malta epossidica o polimerica
  • Gamma di materiali per stuccatura

    Per rifinire le giunture ai giunti delle piastrelle ceramiche posate, vengono utilizzate speciali miscele di malta liquida, che, a seconda del legante incluso nella composizione, sono:

    • malte cementizie;
    • malte epossidiche bicomponenti.

    La malta cementizia per giunti di piastrelle viene venduta sotto forma di miscela secca, che deve essere portata alla consistenza richiesta con acqua o lattice liquido prima dell’uso. La base di miscele di questo tipo è il cemento Portland e come additivi, indurenti, lattice secco e pigmenti coloranti possono essere inclusi nella composizione. Se non riesci a trovare la miscela di cazzuola finita del colore desiderato, puoi acquistare il bianco e aggiungere la tua tintura prima dell’uso.

    La base delle malte epossidiche è costituita da due componenti: resina epossidica e indurente, che forniscono giunti ad alta resistenza e resistenza all’umidità e ai prodotti chimici aggressivi. La malta epossidica è piuttosto viscosa e si congela molto rapidamente, è necessario lavorarci con abilità e rapidità. Inoltre, per la decorazione di locali residenziali, viene spesso utilizzata la piastrella in ceramica, il cui spessore non supera i 12 mm e la larghezza dei giunti alle giunture è di 3-6 mm e tali giunti stretti, malta epossidica viscosa semplicemente non possono riempire, ma quando si affrontano piscine domestiche o altro oggetti non standard è insostituibile.

    La scelta dei materiali di stuccatura

    La malta epossidica è ottima per la lavorazione di giunti larghi e migliora l’effetto decorativo di piastrelle insolite

    È importante saperlo!

    Quando si sceglie una malta epossidica per una piastrella, non confonderla con un sigillante a base di elastomeri, la cui confezione di solito indica che sono destinati alla lavorazione di piastrelle. I sigillanti vengono utilizzati per riempire probabili vuoti tra la piastrella e la base durante la posa, ma non sono adatti per riempire le cuciture.

    Larghezza della cucitura – fattore di selezione

    Tutti scelgono la larghezza delle cuciture tra le piastrelle a proprio piacimento, ma le superfici rivestite con ceramiche quadrate o rettangolari di qualsiasi dimensione standard da 10 a 60 cm sembrano più esteticamente gradevoli e accurate con una larghezza del giunto di 3 mm. Cuciture troppo larghe in questo caso deprimono leggermente la vista e semplificano l’elegante design della superficie in ceramica.

    Quando si utilizzano piastrelle di forma irregolare, una cucitura più ampia fino a 12 mm, al contrario, migliora l’effetto decorativo della superficie foderata. Ma una cucitura ampia può rompersi durante il funzionamento e persino l’aggiunta di sabbia grossolana, raccomandata in questi casi, non esclude la probabilità di un difetto sgradevole nel rivestimento.

    Cuciture troppo strette con una larghezza inferiore a 3 mm possono anche incrinarsi se si utilizza una miscela di malta con consistenza troppo liquida o, al contrario, malta liquida non riempie l’intero spazio della giuntura e l’acqua penetra nel rivestimento attraverso i vuoti. Inoltre, la cucitura funge anche da ammortizzatore, che protegge il rivestimento dalla distruzione durante la loro possibile espansione o compressione delle piastrelle a temperature estreme e con una larghezza di 1-2 mm perde questa capacità.

    La larghezza dei giunti 3-12 mm è considerata ottimale, anche perché consente di utilizzare, se necessario, non solo la malta cementizia più semplice diluita con acqua, ma anche quella di lattice, acrilico o epossidica.

    Come sovrascrivere: consigli e suggerimenti

    Come altri lavori di finitura, la stuccatura di piastrelle ceramiche inizia con un’accurata pulizia della superficie foderata e la rimozione delle croci divisorie.

    Come stuccare giunti su piastrelle: consigli e suggerimenti

    Prima di stuccare le piastrelle e le cuciture devono essere accuratamente pulite.

    Importante da ricordare!

    Se le croci divisorie non vengono rimosse, lo strato di malta su di esse sarà più sottile rispetto allo strato della soluzione legante, e quindi il suo colore dopo la solidificazione differirà e il rivestimento sembrerà sporco.

    Quando si lavora con piastrelle smaltate, è possibile sovrascrivere giunti asciutti e ben curati. Il rivestimento ceramico non smaltato deve prima essere inumidito alle articolazioni: questo impedirà l’assorbimento intensivo di umidità dalla malta. Puoi inumidire la piastrella dallo spruzzatore, ma con moderazione. Se goccioli d’acqua fuoriescono dalla piastrella su una malta fresca, potrebbe diventare troppo liquida e rompersi dopo l’asciugatura.

    Il cemento e la resina epossidica, che fanno parte della malta, possono causare infiammazione delle mucose e reazioni allergiche, quindi quando si lavora con questi materiali si consiglia di utilizzare occhiali protettivi, un respiratore e guanti di gomma. La stuccatura delle piastrelle prevede i seguenti passaggi:

    1. preparazione della pasta per malta;
    2. applicazione di malta alle cuciture;
    3. lavaggio a secco delle articolazioni;
    4. pulizia finale a umido delle articolazioni.

    Pasta di cottura per malta

    Il componente secco della malta a base di cemento e, se necessario, il pigmento secco viene versato in un ampio contenitore pulito, la quantità di acqua indicata nelle istruzioni del produttore viene versata e miscelata prima manualmente e poi meccanicamente utilizzando un miscelatore da costruzione.

    Il risultato dovrebbe essere una soluzione con una consistenza di panna acida molto spessa. Se la miscela è troppo densa, aggiungendo acqua, portala alla consistenza ottimale. Se usi la tintura liquida per tingere la malta, aggiungila alla pasta finita e mescola bene con un mixer. La soluzione preparata per il gonfiore completo dei componenti costituenti viene lasciata per 10-15 minuti e nuovamente miscelata con un miscelatore fino a ottenere una consistenza uniforme uniforme.

    stuccatura

    La pasta della cazzuola viene applicata sulla superficie piastrellata e distribuita uniformemente con una spatola o una cazzuola di legno nella direzione dei giunti di testa tra le piastrelle, riempiendole accuratamente con una miscela.

    Lo strumento deve essere tenuto ad un angolo di 30 ° rispetto alla piastrella e la miscela deve essere applicata con movimenti diagonali. Lo stucco con forza viene premuto nella cucitura, riempiendo tutti gli angoli, i vuoti, le crepe non riempite di colla nella parte superiore. Nel processo di stuccatura, la frazione liquida della pasta verrà gradualmente in superficie e le cuciture verranno riempite con una frazione solida di cemento, sabbia e additivi polimerici.

    Non applicare immediatamente la pasta per malta su tutta la superficie da trattare. Strofinando le cuciture su un’area di circa 1 mq, determinare la velocità con cui viene fissata la malta, quindi decidere con quale frequenza è necessario arrestare e pulire le aree già trattate.

    Utilizzando una sacca per malta liquida

    Quando si lavora con una superficie rivestita con piastrelle difficili da pulire, ad esempio in pietra artificiale naturale o finta, la stuccatura può essere eseguita utilizzando uno speciale sacchetto di malta con una punta, come un sacchetto di pasta.

    Come stuccare giunti su piastrelle: consigli e suggerimenti

    È conveniente applicare malta alle cuciture della piastrella opaca con una borsa speciale.

    Il riempimento della cucitura con pasta dal sacchetto inizia dall’alto e, man mano che ogni cucitura viene riempita, scendi verso il basso. In questa malta dovrebbe essere spremuto un po ‘più della quantità richiesta. Non appena la miscela inizia a formarsi, utilizzare un pezzo di cavo di gomma con un diametro maggiore della larghezza della cucitura per spingerlo delicatamente nella cucitura e dopo circa 30 minuti, la malta in eccesso premuta nella cucitura può essere rimossa con una spazzola rigida.

    Lavaggio a cazzuola a secco

    Dopo aver riempito tutte le giunture con malta, il suo eccesso dalla piastrella viene rimosso con una grattugia speciale, tenendo lo strumento quasi perpendicolare alla piastrella e spostandosi in diagonale nella direzione delle giunture, facendo attenzione a non toccarle. Se la grattugia, dopo essere entrata sulla giuntura, cattura la massa di malta, l’ammaccatura dovrebbe essere riempita di nuovo e la superficie della giuntura dovrebbe essere livellata. Per un’impostazione completa della malta, è necessario un certo tempo, la cui durata dipende dalla ricetta della miscela. Eliminando la sezione precedente del rivestimento dalla miscela in eccesso, di tanto in tanto mescolare la pasta per malta nel contenitore in modo che sia pronta per continuare a elaborare i giunti nella sezione successiva.

    Pulizia finale a umido

    Il tasso di evaporazione dell’umidità e l’impostazione completa della malta richiedono da 5 a 20-30 minuti, a seconda del tipo di piastrella, colla, tipo di base, umidità e temperatura dell’aria. Inoltre, sulla superficie della piastrella, la composizione può indurirsi molto rapidamente, ma alle cuciture rimarrà umida. Per verificare se la malta è pronta per la pulizia a umido, viene testata con una spugna generosamente inumidita in una piccola area del rivestimento. La massa nelle articolazioni dovrebbe essere densa, elastica, ma non solida..

    Se la malta raggiunge una spugna bagnata, non è pronta per la pulizia a umido delle cuciture. La pasta che si è asciugata fino alla superficie della piastrella può essere rimossa per il momento con una speciale grattugia abrasiva che non lascia graffi sulla piastrella. Dopo aver pulito la piastrella da malta secca, viene delicatamente pulita con una spugna bagnata ben strizzata.

    Per bagnare il rivestimento, avrai bisogno di un secchio di acqua pulita e una spugna con bordi arrotondati, che non lasci scanalature nelle cuciture inceppate. Innanzitutto, viene rimossa una malta abbondante dalle piastrelle e dai giunti con una spugna che viene abbondantemente inumidita con una spugna, lavando via le particelle inumidite di cemento e sabbia con movimenti circolari morbidi e assicurandosi che le scanalature non compaiano nei giunti sigillati. La spugna viene spesso lavata e spremuta e per ogni ricezione viene pulita un’area di 1-2 metri quadrati. Quando si elabora una superficie rivestita con un’area di oltre 8-9 metri quadrati, è necessario cambiare l’acqua.

    Dopo aver terminato la prima fase della pulizia a umido, esaminare attentamente tutte le cuciture inceppate e, se necessario, allinearle prima con un bastoncino di legno o di plastica a sezione circolare e poi strizzare con una spugna bagnata.

    Come stuccare giunti su piastrelle: consigli e suggerimenti

    Prima della pulizia finale a umido, la malta nei giunti viene lisciata con un bastoncino di legno o di plastica a sezione circolare

    La larghezza della cucitura viene impostata durante la muratura, ma la forma viene scelta in base alle preferenze e ai gusti personali. Di norma, se il rivestimento è fatto di piastrelle con bordi anche taglienti, la cazzuola si forma a filo con esse. Con un bordo superiore arrotondato della piastrella di rivestimento, il piastrellista sceglie più spesso la forma della malta, ma non dovrebbe sollevarsi sopra la superficie del rivestimento.

    In conclusione, le cuciture e le ceramiche del rivestimento non vengono più pulite dai residui di stuccatura, ma da un rivestimento biancastro torbido, fino a quando assume la sua forma finale e lasciata per 15-20 minuti fino a completa asciugatura. Per piastrelle opache non smaltate, fino a quando le macchie e le macchie torbide non vengono completamente rimosse, potrebbero essere necessarie una o due ulteriori fasi di pulizia a umido con cambio dell’acqua..

    Le malte contenenti additivi acrilici o in lattice hanno maggiori probabilità di fissarsi e possono essere più difficili da lavare. In questo caso, le tracce di pasta per stuccatura possono essere lavate via con detergenti acidi o uno speciale dispositivo di rimozione della placca. Solo le formulazioni contenenti acido possono essere utilizzate dopo aver impostato completamente la malta.

    Malta epossidica o polimerica

    È molto difficile dare consigli su quale stuccatura delle piastrelle sia migliore: dipende dal tipo di piastrella di rivestimento e dallo scopo della stanza in cui verrà utilizzata. La malta cementizia è più facile da lavorare, ma si consuma più velocemente e richiede un rinnovo periodico. La stuccatura a base di polimeri e resina epossidica fornisce cuciture molto forti e durature, consente di creare effetti decorativi insoliti, ma lavorare con esso richiede abilità speciali e dovrebbe essere fatto molto rapidamente.

    Tuttavia, quando si lavora con composizioni per stuccatura contenenti cemento nella fase finale, la superficie rivestita con piastrelle igroscopiche opache, comprese le giunzioni inceppate, viene coperta con un sottile strato di sigillante usando un normale rullo di vernice. Se la superficie è rivestita con piastrelle lucide, solo i giunti di malta possono essere sigillati con un pennello sottile con la composizione. Ci vogliono 2-3 settimane per asciugare completamente la malta e dopo puoi usare la stanza, gioire nel bellissimo pavimento resistente, nel bagno elegante o nell’elegante grembiule sul muro della cucina.

    logo

    Leave a Comment