Loggia, balcone

Isolamento del pavimento su balcone e loggia: in dettaglio sulle fasi dell’isolamento

Isolamento del pavimento su balcone e loggia

Non è un segreto che uno dei problemi più comuni negli appartamenti, sia vecchi che nuovi, è la mancanza di ambiti metri quadrati. In questa situazione, il desiderio di utilizzare ogni centimetro dell’area utilizzabile è più che giustificato. Ciò è direttamente correlato al balcone, perché con un approccio competente, un posto che spesso serve come spazio per riporre spazi vuoti fatti in casa e le cose inutili si trasformano in un angolo accogliente. Ma per rendere questo angolo confortevole per il tuo soggiorno non solo in estate ma anche in inverno, devi pensare isolamento del pavimento sul balcone.

Soddisfare

  • Tipi di isolamento accettabile
  • Strumenti e forniture
  • Isolamento del pavimento sulla loggia: palchi
  • Il primo stadio: la posa delle barre
  • Il secondo stadio: isolamento con penofol
  • Terza fase: alzare il pavimento
  • Il quarto stadio: posiamo il compensato
  • In quale altro modo è possibile isolare il pavimento sul balcone?
  • Isolamento del pavimento sulla loggia – il processo non è così complicato e tutti possono permetterselo, sarebbe un desiderio, beh, i materiali necessari, ovviamente.

    Tipi di isolamento accettabile

    Le opzioni per l’isolamento del balcone dipendono dal materiale che hai scelto come isolante termico. Oggi l’industria delle costruzioni offre molte opzioni, ma queste erano le più popolari:

    Tipi di isolamento

    Ognuno dei riscaldatori ha i suoi pro e contro, dovresti scegliere in base alle proprietà che sono predominanti per te personalmente

    1. Penoplex. Lo spessore viene selezionato in base allo scopo del balcone, se non è direttamente combinato con il soggiorno, è sufficiente uno spessore di 40 mm. Se si suppone che la loggia diventi un habitat permanente, lo spessore della schiuma per un isolamento termico di alta qualità aumenta a 60 mm. I taglieri sono fissati al pavimento con tasselli di plastica e le giunture sono riempite con schiuma di montaggio estiva (in inverno c’è toluene – una sostanza dissolvente in polistirene).
    2. Polyfoam è il materiale più economico. È leggero, non igroscopico, trattiene perfettamente il calore, ma è fragile, quindi richiede l’installazione di una cassa di legno.
    3. Penofol (polietilene espanso): il modo più attraente e affidabile di isolamento. Con uno spessore di soli 4 mm, questo materiale può sostituire una tavola con uno spessore di 100 mm. La durata è di oltre 50 anni. Siamo noi che useremo per riscaldare il nostro balcone.

    Strumenti e forniture

    Prima di tutto, dovresti preoccuparti della disponibilità degli strumenti e dei materiali necessari che aiuteranno nella realizzazione di un compito così importante come l’isolamento termico del pavimento del balcone.

    Quindi, abbiamo bisogno di:

    • trapano con un trapano;
    • martello, coltello da costruzione;
    • trapano con ugelli per avvitare le viti;
    • puzzle;
    • metro a nastro, matita;
    • tasselli, viti (65 mm);
    • barre (4×3 cm);
    • isolamento – polistirolo 5 mm (50×250 cm);
    • Truciolare o compensato;
    • penofol (rotolo da 10 mm di spessore).

    Isolamento del pavimento sulla loggia: palchi

    Dopo aver preparato tutto il necessario per il lavoro, possiamo procedere alla prima fase.

    Il primo stadio: la posa delle barre

    Prima isolamento del pavimento devi spazzarlo con cura. Più avanti lungo tutto il perimetro della loggia posiamo la schiuma, tagliando con un coltello se necessario. Si consiglia di posare in pezzi interi in modo che le articolazioni siano il meno possibile. Dopo aver posato il primo strato, le cuciture e le giunture devono essere espanse. Quindi viene posato il secondo strato. Se possibile, evitare di suturarsi a vicenda, ad es. dovrebbe essere posato con un offset.
    Il momento successivo: misurare la distanza trasversale della loggia sulla superficie del pavimento.

    È importante!
    Si noti che la distanza laterale con angoli diversi può variare. stai attento.

    Misuriamo la distanza nell’angolo sinistro, sottraggiamo circa un centimetro e mezzo e segiamo una trave con un puzzle. La prima trave deve essere posata a 10 cm dalla parete. Calcoliamo quante barre abbiamo bisogno se la distanza tra loro è di 50-60 cm, quindi tutto è elementare: ritiriamo questa distanza, sottraggiamo 1,5 cm, segiamo e in realtà giacciamo. Ma non affrettarti a riparare. Quando la svolta raggiunge il raggio esterno, è necessario farlo 10-15 cm dal muro, per fare ciò, è possibile spostare la seconda e la terza barra dall’estremità, distribuendo uniformemente la distanza tra loro.

    Schema di isolamento del pavimento

    Schema di isolamento del pavimento

    Ora puoi risolvere ciò di cui hai bisogno: un martello, un trapano a percussione, una vite autofilettante, un cacciavite o un trapano. Ogni barra è fissata a 4 viti autofilettanti lunghe 65 cm, l’ultima delle quali dovrebbe essere a 10 cm dal muro, semplicemente: praticare un foro, inserire il tassello e guidarlo con un martello. Quindi inseriamo una vite autofilettante e la martelliamo attraverso una barra nel cemento. Per una migliore fissazione, ruotare con un cacciavite. Ripariamo tutte le altre barre allo stesso modo..

    Il secondo stadio: isolamento con penofol

    Dopo che le barre sono state posate, le aperture tra loro devono essere posate con isolamento. Lo spessore ottimale è di 30 mm, quindi sarà a filo con le barre, che, in linea di principio, è necessario. Cerca di evitare crepe durante la posa dell’isolante termico.

    È importante!
    L’isolamento spesso viene tagliato lungo la guida. Con sforzo, disegna un coltello più volte, piega il nodo sul ginocchio: si rompe facilmente e precisamente lungo la linea di taglio.

    Se ci sono ancora spazi vuoti, la schiuma di poliuretano correggerà facilmente la situazione. Ora armati di una matita e segna sulle pareti vicino al pavimento la posizione delle estremità delle barre – non dovrai indovinare allora!

    Riempi gli spazi vuoti con schiuma

    Per eliminare la perdita di calore e gli spazi vuoti, riempire di schiuma

    Passiamo a penofol. Dopo aver determinato la lunghezza del balcone, lo avvolgiamo in cima con 40 cm e tagliamo il penofol. Non dimenticare che è necessario posare il materiale con la pellicola, è inoltre necessario assicurarsi che passi dietro ogni parete di 20 cm.

    Terza fase: alzare il pavimento

    Per questa procedura sono necessari: seghetto alternativo, legname, cacciavite, vite autofilettante (65 mm), metro a nastro, livello, matita, grandi fogli di compensato o truciolare (spessore 20 mm), sega circolare.

    Tagliamo le barre e le impiliamo in più file (4-5). Guidati dalle note fatte, con l’aiuto di un trapano e viti autofilettanti fissiamo la barra superiore in basso fino all’arresto. Quindi è necessario allinearlo orizzontalmente. Il livello di costruzione dovrebbe essere di almeno un metro – è molto più conveniente lavorare.
    Troviamo il punto più alto sulla loggia, per il quale mettiamo un livello in cima lungo ogni raggio e determiniamo la differenza. L’angolo che devi sollevare all’orizzonte è più basso. Dopo aver determinato quale lato, a sinistra oa destra, sopra, troviamo il punto più alto – il punto di riferimento.

    Tagliare “chopiki” – pezzi di legno lunghi 4 cm (per l’inizio dei pezzi 10). Con l’aiuto di un cacciavite, e ancora meglio con un trapano con un ugello, ruotiamo le viti lontano dal punto più alto in profondità, e poi attraverso. Questa fase richiederà una buona dose di pazienza, ma è molto importante, credimi. Sii preciso!

    Giriamo leggermente le viti

    Giriamo leggermente le viti

    Dopo aver svitato le viti di 1,5 cm, alziamo la trave ai loro cappelli, la mettiamo con cura in cima e scopriamo il livello della trave. Prendiamo un “chopik”, applicandolo allo spazio tra il legno stesso e il penofol, notiamo lo spessore. Appuntiamo il “chopik” su questo segno con un martello e un coltello. Svitiamo la vite autofilettante, inseriamo il “chopik” (per un fissaggio perfetto) e serriamo completamente la vite autofilettante.

    Prima allineamo il raggio distante, quindi alziamo le barre intermedie al livello richiesto, di nuovo fissiamo gli “elicotteri”. Questo deve essere fatto su tutto il pavimento. Ora, con un pennarello sul muro, è necessario contrassegnare la parte centrale di ciascuna delle barre, in modo che dopo aver posato il pavimento sia necessario sapere dove attaccare.

    È importante!
    Se ti sembra che non sarà abbastanza caldo, puoi posare un altro strato di isolamento (300 mm) e un altro strato di penofol sopra il legno impostato a un livello.

    Il quarto stadio: posiamo il compensato

    È giunto il momento di posare il compensato, ovviamente puoi usare il truciolato, ma il compensato è molto meglio e più rispettoso dell’ambiente. Misuriamo le dimensioni per il contorno del compensato, proviamo a tenere conto degli angoli tra le pareti. Trasferiamo le dimensioni sul compensato, attiriamo un partner e usando una sega circolare tagliamo un pezzo con curve e curve.

    È importante!
    Si noti che le dimensioni effettive del perimetro devono essere ridotte di circa 1 cm. Non dimenticare di penofol che sporge oltre il livello del pavimento.

    Posiamo il compensato

    Posiamo il compensato in modo che attorno al perimetro della loggia ci sia uno spazio di 1 cm

    Dopo aver posato il compensato su tutta l’area, cerchiamo segni precedentemente realizzati (centro della trave). Tracciamo una linea retta da una parete all’altra, quindi sapremo dove si trova il legname sotto il compensato. Usando un trapano, fissiamo i fogli di compensato, la distanza tra le viti è di 45 cm.

    L’isolamento del pavimento è completo, non resta che tagliare il penofol lungo il perimetro con un coltello da pittura. È tutto.

    In quale altro modo è possibile isolare il pavimento sul balcone?

    Ora puoi goderti il ​​comfort

    Ora puoi goderti il ​​comfort

    Se il pavimento del balcone è in legno, puoi usare lana minerale – un materiale che, in termini di caratteristiche di isolamento termico, non è praticamente diverso dalla schiuma di polistirolo. Se sul pavimento c’è un massetto di cemento, quindi l’opzione di calcestruzzo espanso, linoleum caldo e un substrato in feltro per un laminato sarà l’opzione migliore.

    Bene, se vuoi qualcosa di più moderno, puoi installare un sistema a pavimento caldo, che può essere acqua, infrarossi o elettrico.

    Ci sono molte opzioni, come vedi. Scegli quello che ti sembra più adatto e goditi il ​​tempo trascorso su una loggia calda e confortevole, anche durante le gelate invernali più rigide.

    logo

    Leave a Comment