Cucina

Come rendere l’illuminazione competente in cucina con le tue mani – offrire un comfort economico

Come realizzare un’illuminazione competente in cucina

La creazione di un’atmosfera piacevole e accogliente in cucina dipende non solo da splendidi mobili abilmente selezionati e comodamente disposti, ma anche dal corretto posizionamento degli apparecchi di illuminazione al suo interno. Una corretta illuminazione in cucina metterà in evidenza e sottolineerà la bellezza degli interni, delimitando le zone e conferendo alla cucina un aspetto unico. La creazione di tale illuminazione è abbastanza scrupolosa e richiede alcune abilità..

Soddisfare

  • Un progetto che risolve tutti i problemi
  • Opzioni di illuminazione della cucina
  • Come realizzare l’illuminazione ambientale
  • Illuminazione dell’area di lavoro della cucina

Un progetto che risolve tutti i problemi

Creazione di un progetto - progetto illuminotecnico in cucina

Creazione di un progetto – progetto illuminotecnico in cucina, è necessario tenere conto delle soluzioni cromatiche delle pareti e degli interni

Per creare l’illuminazione in cucina con le tue mani, prima di tutto dovrai sviluppare un progetto. Per fare ciò, puoi rivolgerti a professionisti che possono redigerlo a pagamento o puoi fare tutto da solo. In questo caso, è necessario tenere conto delle peculiarità dell’illuminazione in cucina, è una versione combinata delle fonti di luce superiore e inferiore che chiaramente zone la stanza. Quando pianifichi tu stesso l’illuminazione della tua cucina, considera quanto segue:

  • le fonti di luce inferiore e superiore dovrebbero completarsi a vicenda e avere lo stesso livello di illuminazione, in modo da non creare disagio nella stanza;
  • se vengono utilizzate lampade aggiuntive per illuminare le pareti, la loro luce dovrebbe essere morbida e leggermente diffusa;
  • per un’illuminazione più luminosa delle aree di lavoro, è possibile utilizzare le lampade integrate nel fondo dei pensili;
  • Per illuminare le aree di lavoro, utilizzare l’illuminazione con luce diffusa. Ciò contribuirà ad evitare l’abbagliamento da abbagliamento durante la cottura. Inoltre, l’illuminazione diffusa dovrebbe essere utilizzata all’interno, dove ci sono molte superfici cromate e speculari;
  • per un’illuminazione più comoda della superficie di lavoro e per creare un’illuminazione individuale, è possibile utilizzare lampade a rotazione articolata, montate a parete;
  • nel caso in cui l’area di lavoro si trovi al centro della cucina, le luci a soffitto e una retroilluminazione incorporata nella cappa vengono utilizzate per illuminarla;
  • quando si crea un progetto, è necessario prestare particolare attenzione alla combinazione di colori della cucina e, in base a questo, scegliere lo spettro dell’illuminazione stessa per non ferire gli occhi.
Diffusione di un flusso di luce dai dispositivi di illuminazione

Diffusione di un flusso di luce a seconda della posizione del dispositivo di illuminazione

Importante! Quando si pianifica il posizionamento degli infissi, è importante considerare un parametro come l’ombreggiatura. Idealmente, non dovrebbero esserci ombre dagli oggetti circostanti quando le luci sono accese.

Opzioni di illuminazione della cucina

Quando si crea un progetto di illuminazione della cucina, ci sono tre opzioni principali che sono più adatte per i layout delle nostre cucine. Nella prima forma di realizzazione, l’illuminazione generale è formata da due fonti di luce – sopra la superficie di lavoro e sopra la zona pranzo. In entrambe le zone, viene creata un’illuminazione ottimale, piuttosto brillante, che si integra a vicenda. Qui vengono utilizzati tutti i possibili dispositivi di illuminazione, montati su un controsoffitto o sospeso, sospesi o montati in armadi o semplicemente incollati alla loro superficie, come strisce LED. Questa versione del progetto illuminotecnico è perfetta per cucine di medie e grandi dimensioni con una superficie di oltre 12 m2.

Nella foto presentata, l’illuminazione in cucina con una vasta area

Illuminazione nella grande cucina

È possibile illuminare correttamente una grande cucina installando l’illuminazione principale del soffitto e l’illuminazione dell’area di lavoro, utilizzando varie opzioni per gli apparecchi

La seconda versione del progetto, oltre alle due principali fonti di luce, la parte superiore e sopra la superficie di lavoro, prevede anche ulteriori fonti che vengono posizionate sulle pareti. Inoltre, ogni lampada aggiuntiva ha la possibilità di cambiare l’angolo di illuminazione. Questa versione del progetto di illuminazione ti permetterà di espandere visivamente lo spazio un po ‘, il che è perfetto per le piccole cucine. In questo caso, fonti di luce aggiuntive dovrebbero emettere luce morbida e discreta..

Nella foto presentata, l’illuminazione in cucina con una piccola area

Piccola illuminazione della cucina

La cosa principale nell’illuminazione di una piccola cucina è espandere visivamente lo spazio

La terza opzione è per cucine molto piccole con una superficie di circa 6 m2. Ogni dettaglio è importante in esso, dal colore delle pareti al numero di sorgenti luminose e alla loro luminosità. Di solito vengono utilizzate tonalità pastello o fredde di pittura murale e un potente apparecchio di illuminazione è installato per l’illuminazione dall’alto e da 2 a 3 lampade ausiliarie mobili con luce morbida per le superfici di lavoro.

La foto mostra l’illuminazione in cucina con un’area molto piccola

Illuminazione in una cucina molto piccola

È più difficile illuminare una cucina molto piccola a causa dell’accumulo di attrezzature e della vicinanza ravvicinata di oggetti

Un’altra opzione per il progetto di illuminazione è l’illuminazione in cucina – soggiorno. Oggi, la cucina-soggiorno sta guadagnando sempre più popolarità e può essere sempre più trovata in progetti di riqualificazione o in progetti di nuove case. Per illuminare la cucina-soggiorno, è possibile utilizzare quasi l’intero arsenale di apparecchi di illuminazione, dai normali apparecchi di illuminazione con lampade agli apparecchi di illuminazione a LED.

Nella foto presentata, l’illuminazione in cucina-soggiorno

Corretta illuminazione della cucina - soggiorno

Nell’illuminazione della cucina – soggiorno, è importante distinguere tra un’area ricreativa, una sala da pranzo e un’area di lavoro

La cosa principale quando si crea un progetto per la cucina-soggiorno è osservare la seguente regola: chiara suddivisione in zone della cucina e del soggiorno attraverso la luminosità della luce. Quindi, per il soggiorno, i dispositivi di illuminazione meno luminosi dovrebbero essere installati sulle pareti e sul soffitto, mentre per la cucina, un’illuminazione ambientale più luminosa dovrebbe essere utilizzata in combinazione con l’illuminazione spot delle aree di lavoro. Se la cucina e il soggiorno sono separati da un bancone da bar, il flusso di luce principale deve essere diretto verso di esso e le aree di lavoro della cucina.

Come realizzare l’illuminazione ambientale

Principale illuminazione ambientale in cucina

Top illuminazione – lampadari e lampade – una versione classica della disposizione dell’illuminazione in cucina

Per illuminare la cucina al buio, principalmente utilizzata illuminazione ambientale. Inoltre, se la cucina non ha una finestra o la luce che penetra attraverso di essa non è sufficiente, l’illuminazione ambientale funge da sostituto della luce naturale. In entrambi i casi, la funzione di illuminazione ambientale è di fornire una buona illuminazione della cucina. Pertanto, quando si crea l’illuminazione ambientale, è possibile installare una potente lampada al centro del soffitto o diverse piccole lampade lungo il perimetro del soffitto dell’intera cucina. Puoi anche combinare una grande centrale e diverse piccole attorno al perimetro.

I controsoffitti e i controsoffitti sono oggi particolarmente popolari. Tali soffitti offrono molte opportunità per posizionare molti piccoli riflettori al loro interno. Inoltre, puoi utilizzare l’illuminazione interna dei soffitti tesi, che creerà l’illusione di un cielo senza nuvole o la mancanza di un soffitto in quanto tale. Un’altra opzione aggiuntiva per aumentare la quantità di luce è illuminare il soffitto della cucina. Per fare questo, puoi posizionare luci a LED nascoste attorno al perimetro della cucina nei recessi del controsoffitto o direttamente sopra gli armadietti della cucina sospesi.

Creando l’illuminazione principale in una piccola cucina, dovrai essere guidato dalla regola dell’economia e dal posizionamento ergonomico di mobili e apparecchi di illuminazione. Lo spazio è piccolo, quindi la suddivisione in zone dell’intera stanza è la soluzione migliore. Per raggiungere questo obiettivo, è possibile installare potenti faretti nel controsoffitto..

Importante! Per ottenere il massimo effetto dalla suddivisione in zone della cucina posizionando correttamente gli apparecchi di illuminazione, è possibile creare gruppi separati di interruttori per ogni zona.

Illuminazione dell’area di lavoro della cucina

Come illuminare un'area di lavoro in una cucina

Illuminazione a LED dell’area di lavoro della cucina: una soluzione di successo ed economica

Se l’illuminazione ambientale è responsabile dell’illuminazione generale della cucina, quindi per le aree di lavoro è necessario prevedere le proprie fonti di luce. Ciò è necessario per due motivi. In primo luogo, le fonti di luce locali per le aree di lavoro distingueranno più chiaramente le aree di controsoffitti, stufe o lavandini. In secondo luogo, indipendentemente dalla luminosità e dall’intensità della fonte di luce principale, le aree di lavoro per vari motivi possono essere all’ombra e fonti di luce aggiuntive aiuteranno a evitarlo..

Per ottenere aree di lavoro ben illuminate, le sorgenti luminose devono essere posizionate a un certo livello e in un luogo specifico. Questo deve essere fatto in modo che la luce incidente proveniente da un dispositivo di illuminazione si sovrapponga a una o più aree di lavoro. Per risolvere questo problema, è possibile utilizzare le lampade allungate posizionate sotto i pensili o fissate sul fondo.

Oggi, l’illuminazione a LED della cucina sta guadagnando sempre più popolarità. Questo tipo di illuminazione è semplice e affidabile, economico e facile da installare. Per creare il punto culminante dell’area di lavoro, basta attaccare la striscia LED sul fondo dei pensili. I LED possono anche essere installati in apparecchi, ma per la loro installazione in mobili da cucina dovrai fare un ordine speciale con il produttore di mobili per fori speciali per le lampade.

Installazione della lampada a LED o le lampade a sospensione non sono particolarmente difficili. Per installarli, è sufficiente praticare fori per i dispositivi di fissaggio e reinstallarli. Il nastro LED si attacca semplicemente nel posto giusto. Per la comodità di utilizzare l’illuminazione dell’area di lavoro, è necessario installare un interruttore separato per loro e posare il filo da esso in modo nascosto o esterno.

La creazione di illuminazione per la cucina è un esperimento molto interessante per i principianti e dà molto piacere ai professionisti nel loro campo. I giochi con la luce e la sua intensità ti consentono di creare un’atmosfera individuale e un comfort unici per ogni cucina, riflettendo le preferenze e il mondo interiore del proprietario.

logo

Leave a Comment