Cucina

Quale piastrella è meglio scegliere: studiamo l’etichettatura e i suggerimenti di progettazione

Quale tessera è meglio scegliere

Nessuno dei materiali di finitura più moderni nella progettazione di cucine e bagni è ancora riuscito a superare la popolarità delle piastrelle tradizionali. Inoltre, i progettisti sono disposti a utilizzare questo materiale pratico negli interni di salotti e camere da letto e la moderna incarnazione di vecchie piastrelle: piastrelle in gres porcellanato adornano spazi pubblici, uffici e pareti di facciate di case. La gamma di ceramiche decorative da costruzione sul mercato è enorme e alcuni consigli su come scegliere una piastrella per affrontare una cucina o un bagno ti aiuteranno a navigare tra molte collezioni da piastrelle domestiche economiche a squisite ceramiche di famosi marchi occidentali che differiscono non solo nel design ma anche nelle caratteristiche operative.

Soddisfare

  • 10 motivi per la popolarità delle piastrelle
  • Studiamo la marcatura sulla confezione
  • La resistenza all’usura non è sinonimo di qualità
  • Segreti di progettazione di piastrelle

10 motivi per la popolarità delle piastrelle

La piastrella non ha rivali, non solo per il bellissimo design esterno. Infatti, insieme al legno e alla pietra naturale, è una rappresentante di un elenco non troppo lungo di materiali “sani” che una persona utilizza in sicurezza nella sua casa.

10 motivi per la popolarità delle piastrelle nei locali residenziali

La piastrella creata artificialmente combina tre elementi naturali: argilla, acqua e fuoco, e questo già ispira fiducia

La piastrella creata artificialmente combina tre elementi naturali: argilla, acqua e fuoco, e questo già ispira fiducia, che agli occhi del consumatore moltiplica l’elenco dei vantaggi delle piastrelle di ceramica:

  • rispetto dell’ambiente: non emette fumi nocivi, è pienamente conforme agli standard ambientali internazionali;
  • igiene: facile da pulire, non reagisce agli ambienti aggressivi dei detergenti;
  • alta resistenza soggetta alle regole di installazione;
  • elevata resistenza all’umidità e all’acqua;
  • proprietà refrattarie e resistenza al calore;
  • sicurezza antincendio: non brucia e non favorisce la combustione;
  • buona conduttività termica: ideale come rivestimento per pavimenti per qualsiasi sistema di “pavimento caldo”;
  • antistatico – “immunità” dai campi elettromagnetici, a causa della quasi assenza di conduttività elettrica;
  • una vasta gamma di colori e trame, compatibilità all’interno con vetro, metallo, legno, plastica;
  • prezzo abbordabile.

Le caratteristiche problematiche della piastrella includono la fragilità durante il trasporto e un peso molto elevato, e l’elevata conduttività termica che è stata sempre considerata uno svantaggio con l’invenzione del sistema di riscaldamento “pavimento caldo” trasformato in uno dei vantaggi della ceramica da costruzione.

Studiamo la marcatura sulla confezione

Con un vasto assortimento di piastrelle universali in ceramica, il mercato non può offrire e, decidendo quale piastrella scegliere per il bagno o la cucina, oltre al design esterno, si dovrebbe tener conto di come le proprietà operative del campione che ti piace corrispondono allo scopo previsto.

È possibile ottenere le informazioni massime studiando attentamente l’etichettatura sotto forma di pittogrammi sulla confezione delle piastrelle.

Scegliendo una piastrella, studiamo la marcatura sulla confezione

La marcatura delle piastrelle contiene un massimo di informazioni utili sul suo scopo e le sue prestazioni

L’immagine del piede su uno sfondo nero del pittogramma dice che la piastrella è progettata per essere posata sul pavimento e se il piede è raffigurato su uno sfondo ombreggiato, hai una piastrella con una maggiore resistenza all’usura. L’immagine sui segni della mano indica che la piastrella è adatta solo per il rivestimento della parete. Il fiocco di neve nel pittogramma indica la resistenza al gelo del materiale. Se la stessa icona viene ripetuta due volte o tre volte sull’icona, ciò indica un livello elevato dell’indicatore corrispondente.

Sia la cucina che il bagno hanno bisogno di piastrelle in ceramica con bassa porosità, che possono resistere agli effetti dell’umidità e ai composti chimici aggressivi: grassi, acidi, alcali. Per questo indicatore, sulla confezione è presente la marcatura delle lettere che aiuterà a determinare con un alto grado di precisione quale piastrella scegliere per il pavimento e le pareti della cucina o del bagno.

  • A – piastrelle ad alta resistenza all’acqua, agli agenti chimici e alle sollecitazioni meccaniche.
  • B e C – piastrelle con un grado medio di resistenza all’umidità e ai prodotti chimici.
  • D – ceramica decorativa non resistente all’umidità e ai prodotti chimici.

Nel bagno o nella piscina di casa, sia il pavimento che le pareti sono costantemente a contatto con una grande quantità di acqua, vapore, detergenti e reagenti per la disinfezione dell’acqua, che possono macchiare e distruggere lo smalto della ceramica. In cucina, l’umidità è più bassa, ma è più probabile che non solo i detergenti chimicamente aggressivi, ma anche i grassi o gli acidi contenuti nei prodotti alimentari, entrino sulla piastrella. Pertanto, per una e per un’altra stanza, dovresti scegliere una piastrella di rivestimento etichettata AA o, in casi estremi, A.

Scegliendo una piastrella, studiamo la marcatura sulla confezione

Per il bagno e le pareti della cucina non è necessario acquistare piastrelle con un alto grado di resistenza all’usura, più importante è la sua resistenza all’umidità e agli ambienti aggressivi

La resistenza all’usura delle piastrelle sulla marcatura è indicata dai numeri romani I-V e secondo questo indicatore, i requisiti per le piastrelle per la cucina e il bagno sono diversi. Per il bagno e le pareti della cucina non è necessario acquistare piastrelle con un alto grado di resistenza all’usura, più importante è la sua resistenza all’umidità e agli ambienti aggressivi. Ma per il pavimento della cucina avrai bisogno di una piastrella forte, a bassa porosità e chimicamente resistente, di solito di classe III resistenza all’usura.

La resistenza all’usura non è sinonimo di qualità

La resistenza all’usura o all’abrasione è la caratteristica tecnica più importante delle piastrelle, che ne determina la portata.

Classe di resistenza all'usura - non sinonimo di qualità delle piastrelle

La resistenza all’usura o all’abrasione è la caratteristica tecnica più importante delle piastrelle, che ne determina la portata

Secondo le norme degli standard domestici ed esteri, le piastrelle di ceramica, a seconda dello scopo della densità del traffico nella stanza, sono divise in cinque classi di resistenza all’usura, indicate dall’abbreviazione REI e dal corrispondente numero romano:

  • REI I – piastrelle di prima classe per ambienti a bassa densità di traffico, è abbastanza adatto per bagni;
  • REI II – una piastrella di seconda classe è progettata per luoghi a bassa intensità di traffico ed è adatta per locali residenziali, ad eccezione di corridoi, cucine, logge e balconi;
  • REI III – le piastrelle di terza classe possono essere utilizzate nella decorazione di locali residenziali con un livello medio di intensità del traffico che non hanno accesso diretto alla strada: cucine, sale, terrazze coperte e logge;
  • REI IV – una piastrella di quarta classe è progettata per pavimenti e pareti di uffici, cliniche, hotel e altri locali pubblici, nonché corridoi e corridoi in appartamenti ed edifici residenziali;
  • REI V – le piastrelle della quinta classe di resistenza all’usura sono adatte per locali con qualsiasi grado di intensità del traffico, dai centri commerciali e uffici ai negozi di produzione, concessionarie auto, magazzini.

Nei locali residenziali, ad eccezione del corridoio, si consiglia di utilizzare piastrelle non superiori alla classe III di resistenza all’usura per la decorazione. Il fatto è che il termine “classe di resistenza all’usura” indica solo una caratteristica tecnica del prodotto, ma non un indicatore o grado di qualità. Supponiamo di fronte a te nell’assortimento di piastrelle per il bagno: quale scegliere, da servire a lungo e con costi contenuti?

L’abbreviazione AA sull’icona della marcatura e la classe di resistenza all’usura I-II sono ideali per te. Dopotutto, posando piastrelle di classe IV-V di resistenza all’usura o resistenti alle basse temperature sul pavimento del bagno, pagherai praticamente troppo per le caratteristiche tecniche del prodotto che non saranno mai richieste nel soggiorno.

Classe di resistenza all'usura - non sinonimo di qualità delle piastrelle

Una piastrella con elevata resistenza all’umidità e ai prodotti chimici è l’ideale per un bagno e la classe di usura I-II è accettabile

Le piastrelle di ceramica dei produttori nazionali sono disponibili in tre gradi e ci sono differenze di qualità e prezzo tra di loro. La varietà non è indicata sui prodotti di produttori stranieri: resta inteso che solo un prodotto di alta qualità può cadere nelle mani del consumatore. Allo stesso tempo, gli standard internazionali richiedono l’etichettatura degli imballaggi delle piastrelle di alta qualità con iscrizioni rosse, le piastrelle del secondo grado devono essere contrassegnate con il segno blu e il terzo grado dovrebbe essere contrassegnato con il verde.

Segreti di progettazione di piastrelle

Avendo compreso le principali caratteristiche tecniche della piastrella, non dimenticare di verificare la presenza di inclusioni, bolle, granelli di sabbia, rigonfiamenti, concavità, crepe e scheggiature sulla superficie dei prodotti. È molto importante per il pavimento del bagno e della cucina che il rivestimento non sia scivoloso.

Importante: le piastrelle opache hanno un coefficiente di attrito maggiore su una superficie bagnata o una resistenza allo scivolamento rispetto alla lucentezza. Le piastrelle piastrellate in raso sono adatte per gli appassionati di materiali di finitura brillanti – brillanti, ma non scivolosi, grazie all’aggiunta di sali speciali alla glassa.

Una scelta mal concepita del colore delle piastrelle o una scelta non riuscita della sua trama possono portare a effetti fastidiosi imprevedibili. Per rendere più spazioso un piccolo bagno o una cucina, nella loro decorazione dovrebbero utilizzare materiali di rivestimento di colori pastello chiari..

Segreti di progettazione di piastrelle

Quando si progetta un piccolo bagno, è necessario scegliere toni chiari e tranquilli e non utilizzare più di tre colori di piastrelle

All’interno di una piccola stanza non è consigliabile utilizzare più di tre tonalità di piastrelle di ceramica: questa tecnica riduce anche il volume.

Importante: le piastrelle con una lucentezza brillante riducono visivamente il volume della stanza. Se necessario, scegliere una piastrella con un basso coefficiente di riflessione, ovvero con una glassa “opaca”.

Contaminazione, macchie e calcare sono meno evidenti su piastrelle con una superficie granulare o cromatica. Sulle superfici lucide della ceramica di rivestimento di colori scuri e neri, anche lievi scheggiature e graffi sono troppo evidenti. Scegliendo il colore e la trama delle piastrelle in cucina o in bagno, non dimenticare la praticità.

Una scelta competente delle caratteristiche tecniche necessarie della piastrella, nonché una soluzione cromatica attentamente studiata ti aiuteranno, senza fare errori e risparmiando denaro, a ottenere una piastrella bella e resistente per il bagno o la cucina.

logo

Leave a Comment