La disposizione del bagno

Come stuccare una casa di tronchi: la scelta del metodo e del materiale

Come stuccare una casa di tronchi

Ora le case e le saune di una casa di tronchi sono diventate sempre più popolari. Il segreto di tale successo è semplice: il legno è un materiale termoisolante ideale e l’edificio in tronchi sembra insolito e molto rispettabile. E con il ritorno della moda al naturale, le valutazioni delle baite in legno hanno generalmente raggiunto livelli senza precedenti. Ma anche un materiale così caldo e affidabile come un tronco deve essere isolato, così tanti proprietari di immobili di questo genere hanno una domanda ragionevole: “Come stuccare una casa di tronchi?” Diamo un’occhiata a questo argomento “senza ossa”..

Soddisfare

  • Perché hai bisogno di sigillare una casa di tronchi?
  • Materiali di calafataggio moderni
  • Iuta – l’opzione più popolare
  • Lino
  • Tipi di calafataggio
    • Il metodo di “allungamento” di calafataggio
    • Metodo di calafataggio
    • Segreti e sottigliezze del calafataggio
    • Perché hai bisogno di sigillare una casa di tronchi?

      Il calafataggio della casa di tronchi è una fase molto importante della costruzione, la cui negligenza può compromettere significativamente l’isolamento termico dell’edificio. Il fatto è che quando si posano tronchi tra loro, si formano vuoti e lacune, che devono essere “distrutti” in qualche modo.

      Inoltre, la baita si sistemerà nel tempo, il che causerà necessariamente la comparsa di nuove crepe. Attraverso di loro, quella calda aria domestica “scapperà” sulla strada. Va bene anche in estate, ma in inverno le conseguenze possono essere molto più tristi: l’aria riscaldata quando entra nell’atmosfera fredda si trasforma immediatamente in brina, che si deposita sui tronchi. E come sai, la brina porta sempre con sé problemi associati all’umidità e all’umidità, che a loro volta causeranno decadimento..

      Materiali di calafataggio moderni

      Nell’antica Russia canapa, sfagno di muschio e feltro venivano usati per il calafataggio.

      Oggi, anche questi materiali sono sempre più richiesti per l’isolamento primario.

      Casa di tronchi riscaldata dal muschio

      Quindi ai vecchi tempi isolavano le case. Muschio-sfagno – divertente e ridicolo, ma efficace

      Iuta – l’opzione più popolare

      La iuta è un isolante naturale di origine vegetale, che “arriva” in Russia dal Kazakistan, dalla Cina e dall’India. La fibra di questa pianta è apprezzata per la sua forza, elevate qualità di filatura e bassa igroscopicità..

      Iuta

      La fibra di juta viene erogata prevalentemente sotto forma di un nastro speciale con densità uniforme e larghezza uguale.

      Molto spesso, i produttori impongono all’acquirente una sensazione di juta, citando il fatto che ha esattamente le stesse caratteristiche della pura juta. Tuttavia, questo non è vero. Tale materiale è molto più incline a bagnarsi, il che significa che inizierà a marcire molto più velocemente. Inoltre, ha indicatori di bassa resistenza, che influenzano le sue proprietà termoisolanti e la talpa semplicemente lo adora.

      Lino

      Il lino è ottenuto da rifiuti di semi di lino. Si presenta sotto forma di un lungo nastro attorcigliato in un rotolo. Questo materiale è costituito da polvere di lino fine, che ha una struttura a fibra corta. La densità di un tale riscaldatore non è inferiore a quella della iuta, ma la sua struttura è molto più elastica e rigida.

      Lino

      Rotolo di lino, prima di posare il materiale dovrà essere tagliato

      Tipi di calafataggio

      Esistono due tipi di calafataggio: “stiramento” o “lavoro a maglia”.

      Il metodo di “allungamento” di calafataggio

      Questo metodo di calafataggio viene utilizzato se gli spazi tra i registri sono stretti e quasi invisibili.

      Durante il lavoro in questo modo, viene formato un filo dall’isolante, che viene posizionato nella fessura attraverso le fibre, quindi spingerlo delicatamente all’interno con una spatola, ma il bordo del materiale (4-5 cm) dovrebbe rimanere all’esterno. Successivamente, un rullo sottile viene ricavato dal rimorchio, che viene quindi avvolto nel bordo libero rimanente del materiale isolante. Resta solo da martellare questo rotolo con uno scalpello.

      Intasamento dell'isolamento nello spazio

      Il processo di guida del lino nella fessura della casa di tronchi

      Metodo di calafataggio

      È consigliabile utilizzare questo metodo quando le fessure e i vuoti tra i registri sono ampi e profondi.

      Per una casa di calafataggio di una casa di tronchi le lunghe corde sottili, che sono avvolte in una palla, sono attorcigliate dal rimorchio a un set. Quindi, svolgendolo gradualmente, il rimorchio viene martellato nelle fessure usando uno scalpello per calafataggio. Poiché le dimensioni delle fessure sono diverse ovunque, dovrai guadagnare lo spessore richiesto della fune ruotandola o semplicemente torcendo i passanti.

      E prima, l’isolamento è intasato nella parte superiore della fessura, quindi nella parte inferiore. Per rendere la cucitura più o meno “decente” e persino, alla fine, può essere sigillata con uno strumento speciale: un costruttore di strade.

      Importante: il laccio emostatico intasato sarà presto tirato dagli uccelli, quindi tratta questa fase del processo di calafataggio con tutte le responsabilità.

      Calafataggio

      Calafataggio

      Segreti e sottigliezze del calafataggio

      Ci sono molte sfumature nella faccenda del calafataggio, tuttavia, non dovresti aver paura di questo, perché, come si suol dire: “Gli occhi hanno paura, ma le mani sì”.

      • in primo luogo, la prima fase del calafataggio inizia durante la posa dei tronchi. È quindi che uno strato di materiale termoisolante viene posizionato su ciascun tronco. Se è di lino o di iuta, viene fissato con una pinzatrice da costruzione, ma va notato che l’isolamento deve sporgere dalle scanalature di circa 4-5 cm su entrambi i lati della casa di tronchi.
      Posa dell'isolamento su un tronco

      Fissare l’isolamento con una pinzatrice

      Isolante termico tra i tronchi

      Ecco l’isolamento posato sotto un tronco

      • in secondo luogo, per stuccare qualitativamente una casa di tronchi, dovrai condurre almeno due procedure di calafataggio. Il primo – immediatamente dopo l’assemblaggio della casa di tronchi, e il secondo – dopo circa un anno, è allora che l’isolamento si ridurrà parzialmente e alcune crepe torneranno a essere visibili. Cinque anni dopo, quando la casa di tronchi si è completamente stabilizzata, il calafataggio può essere ripetuto nuovamente per fissare finalmente l’effetto dell’isolamento termico.
      • in terzo luogo, per un effetto maggiore, il calafataggio deve essere eseguito su entrambi i lati della casa di tronchi, cioè all’esterno e all’interno.

      Importante: il processo di calafataggio porta ad un leggero sollevamento della casa di tronchi, che a volte può essere 6-7 cm, pertanto è importante eseguire la procedura prima del lavoro di finitura finale.

      • in quarto luogo, tutti i lavori relativi al calafataggio devono essere eseguiti rigorosamente lungo il perimetro della casa di tronchi dal basso verso l’alto, poiché quando si posa l’isolamento, l’altezza della casa di tronchi aumenta, come indicato sopra. Se calafatate ogni parete singolarmente, quindi molto probabilmente, alla fine otterrete un edificio nello stile di “a caso”.

      Importante: la casa di tronchi dovrebbe essere sigillata in una sequenza rigorosa: in primo luogo, le crepe esterne sono intasate attorno all’intero perimetro del bordo inferiore, quindi andiamo all’interno della casa e facciamo lo stesso lavoro. Poi di nuovo andiamo in strada e calafiammo le crepe della seconda corona, dopo di che torniamo a casa, ecc. Se si trascura questa raccomandazione e si esegue prima il lavoro per strada. e poi all’interno dell’edificio, le pareti si discosteranno verticalmente.

      Bene, ora sai come stuccare correttamente una casa di tronchi e non commettere errori che possono portare a tristi conseguenze. Riscaldati secondo le regole, e quindi la tua casa sarà sempre accogliente e accogliente.

      logo

      Leave a Comment