comunicazioni

Selezioniamo le attrezzature per il riscaldamento dell’acqua in piscina

Come riscaldare l’acqua della piscina è necessario pensarci in fase di progettazione, perché tutti gli elementi tecnologici di questo sistema sono interconnessi. Gli esperti raccomandano di installare apparecchi di riscaldamento in combinazione con un altro attrezzatura per piscina, ma anche se tale lavoro non è stato eseguito, il sistema di riscaldamento può essere integrato in un secondo momento.

Vale la pena notare che la temperatura dell’acqua nelle piscine per adulti dovrebbe essere di almeno 24-26 gradi e per i bambini questo parametro ha ancora più alto – almeno 30 gradi.

Soddisfare

  • Metodi di riscaldamento dell’acqua in uno stagno artificiale
  • Riscaldatori elettrici scorrevoli per piccole piscine
  • Scambiatori di calore – semplice attrezzatura economica
  • Collettore solare (eliosistema)
  • Pompe di calore: potenza e velocità

Metodi di riscaldamento dell’acqua in uno stagno artificiale

Esistono quattro modi per riscaldare l’acqua della piscina:

  1. Riscaldatori elettrici scorrevoli
  2. Scambiatori di calore
  3. Collettori solari
  4. Pompe di calore

La scelta dell’attrezzatura dipende da diversi fattori:

  • volume della piscina
  • quantità d’acqua per riscaldamento regolare
  • caratteristiche delle comunicazioni in casa
  • dalle preferenze del cliente.

Quindi, al fine di scoprire quale tipo di apparecchiatura di riscaldamento si adatterà più armoniosamente al sistema della tua piscina, analizzeremo ciascuno “per ossa”.

Riscaldatori elettrici scorrevoli per piccole piscine

I riscaldatori elettrici scorrevoli sono il modo più semplice e relativamente economico per riscaldare l’acqua della piscina. Sono progettati per riscaldare un flusso continuo di fluido con la minima caduta di pressione possibile. Questo tipo di apparecchio di riscaldamento ha dimensioni compatte, quindi per la sua installazione non richiede un ampio locale tecnico. Una piccola cabina interna sarà perfetta.

Il caso dei riscaldatori elettrici è realizzato in plastica di alta qualità, titanio o acciaio inossidabile e gli elementi riscaldanti stessi sono realizzati in una lega di acciaio inossidabile che può resistere a temperature abbastanza elevate.

Quando si sceglie un riscaldatore di flusso, tenere presente che la sua potenza dovrebbe corrispondere al volume di acqua nella piscina: una piscina piccola e poco profonda situata in una stanza riscaldata non richiede l’acquisto di un’unità grande e potente, 3 kW saranno sufficienti per esso.

Sebbene quando si tratta di potenza, i riscaldatori elettrici a flusso non possono vantare questo parametro – il massimo che sono in grado di spremere è di 18 kW, che chiaramente non è sufficiente per una grande piscina all’aperto. Quindi, se la tua piscina ha un volume di oltre 36 metri cubi. metri e si trova sulla strada, l’acquisto di tali apparecchiature sarà uno spreco ingiustificato di denaro, perché anche il più potente della gamma di modelli di riscaldatori elettrici non può far fronte al compito.

Inoltre, la casa potrebbe avere una limitazione sul consumo di energia o il cablaggio non soddisfa tutti i requisiti, quindi non ha senso installare tale unità.

Riscaldatore istantaneo per piscina

Riscaldatore elettrico istantaneo – ottimo per una piccola piscina

Vantaggi dei riscaldatori elettrici istantanei:

  • riscaldamento rapido della piscina
  • la capacità di regolare la temperatura grazie ai termostati
  • la presenza in alcuni modelli di un sensore di flusso che disabilita il riscaldamento in assenza di circolazione dell’acqua
  • sistema di controllo automatizzato
  • piccole dimensioni

svantaggi:

  • bassa potenza
  • grandi bollette elettriche
  • l’incapacità di installare in case a basso consumo energetico

Scambiatori di calore – semplice attrezzatura economica

Gli scambiatori di calore (in linea di principio, come suggerisce il nome), a differenza dei riscaldatori elettrici, non consumano elettricità. Il principio del loro lavoro è il riscaldamento dell’acqua nella piscina collegandosi a un sistema di riscaldamento comune a casa.

Questa unità è una beuta con una bobina situata al suo interno, lungo la quale si muove l’acqua calda. Quest’acqua entra nel riscaldatore dall’impianto di riscaldamento mediante una pompa di circolazione, il cui funzionamento è regolato da una valvola speciale. A sua volta, la valvola è controllata da un termostato. La bobina stessa viene lavata con acqua fredda dalla piscina. In linea di principio, tutto è molto semplice e chiaro..

Il proprietario di tutte queste apparecchiature può solo impostare la temperatura di cui ha bisogno sul termostato, l’automazione farà il resto per lui.

La potenza degli scambiatori di calore può variare da 13 a 200 kW, che è molto più di quella dei riscaldatori elettrici. La scelta della potenza in questo caso dipende dal volume di acqua nella piscina, perché più è, più a lungo il riscaldatore dovrebbe funzionare.

Il primo riscaldamento dell’acqua con uno scambiatore di calore dura circa 28 ore alla massima potenza possibile per esso. Ciò è necessario per evitare il collasso strumentale (cambiamenti strutturali nel corpo del riscaldatore e nei suoi elementi interni), che può verificarsi a causa del riscaldamento troppo rapido dell’acqua.

Dopo il primo avvio, l’unità dovrà solo mantenere la temperatura richiesta, con un notevole risparmio di denaro.

Di norma, uno scambiatore di calore viene posizionato tra la stazione di pompaggio e il sistema di disinfezione per evitare rotture dovute alla presenza di cloro nell’acqua. Se l’acqua è troppo clorata, si consiglia di installare scambiatori di calore in titanio.

Scambiatore di calore per il riscaldamento dell'acqua della piscina

Scambiatore di calore per il riscaldamento dell’acqua della piscina

Installazione di un sistema di riscaldamento dell'acqua mediante uno scambiatore di calore

Scambiatore di calore in funzione

Vantaggi degli scambiatori di calore:

  • notevole risparmio sui costi
  • Facilità di controlli
  • ad alta potenza

svantaggi:

  • riscaldamento prolungato dell’acqua

Collettore solare (eliosistema)

Il sole è una fonte inesauribile di energia, l’hanno domato abbastanza di recente e hanno subito trovato applicazione: hanno iniziato a riscaldare case, appartamenti, magazzini e finalmente hanno raggiunto le piscine.

Naturalmente, l’acqua nella piscina stessa può essere riscaldata sotto i raggi del sole cocente, ma cosa succede se la tua piscina è sotto una tettoia o al chiuso? Quindi il sole va da te!

Gli eliosistemi o i collettori solari sono moduli di coni, tubi o schermi che assorbono i raggi. Ogni modulo può riscaldare singolarmente fino a 30 metri cubi. metri d’acqua, quindi maggiore è il volume della piscina, più moduli sono necessari.

Il principio del collettore: i raggi del sole, che cadono sul collettore, che di solito è nero, ne sono completamente assorbiti. Il liquido di raffreddamento all’interno del collettore si riscalda fino a 140 gradi, dopodiché si avvia la pompa di circolazione, che si trova nel serbatoio di accumulo. Naturalmente, l’acqua al suo interno diventa quasi istantaneamente calda e può essere utilizzata sia per la piscina che per il riscaldamento e l’approvvigionamento di acqua calda a casa.

Esistono tali modelli di collettori in cui sono integrati sensori e una valvola a tre vie automatica, con l’aiuto della quale l’acqua viene inviata automaticamente allo scambiatore di calore. Quando viene raggiunta la temperatura desiderata, l’acqua passa dallo scambiatore di calore, raffreddandosi gradualmente. E avendo raggiunto il suo valore minimo (è impostato dal proprietario della piscina), l’acqua scorrerà di nuovo nello scambiatore di calore e il sistema si riavvierà.

collettore solare

collettore solare

Vantaggi dei collettori solari:

  • riscaldamento rapido dell’acqua
  • sistema di controllo conveniente
  • multivarianza d’uso: per il riscaldamento degli ambienti, per il riscaldamento dell’acqua in una piscina, per la fornitura di acqua calda a una casa

svantaggi:

  • con tempo nuvoloso, l’efficienza del collettore diminuisce, riducendo così il coefficiente di trasferimento del calore

Pompe di calore: potenza e velocità

Le pompe di calore sono un modo nuovo e piuttosto impopolare (ancora) per la Russia di riscaldare l’acqua della piscina. La mancanza di interesse da parte degli acquirenti è semplicemente spiegata: l’alto prezzo per questo tipo di riscaldamento.

Le pompe di calore funzionano secondo il principio del trasferimento di calore a più stadi da diversi refrigeranti mediante condensa, compressione di gas diversi, ecc..

Dopo il trattamento, effluenti domestici e industriali, calore di acque termali e sotterranee, acqua di laghi, fiumi, calore che viene rilasciato durante il trattamento dei fumi e in genere qualsiasi fonte di calore la cui temperatura sia almeno di uno o due gradi superiore a quella che può essere utilizzata come fonte di calore iniziale acqua della piscina.

Principio di funzionamento: il fluido di lavoro viene pompato attraverso una tubazione esterna sotterranea, utilizzando una pompa di circolazione, ad esempio una miscela di acqua e antigelo. All’uscita del tubo, questo liquido diventa più caldo di diversi gradi a causa della temperatura del terreno. Successivamente, la miscela viene inviata a uno scambiatore di calore (evaporatore) dove dà calore al refrigerante, che bolle istantaneamente (è sufficiente che sia a malapena acqua tiepida) e si trasforma in vapore. Questo vapore entra nel compressore, che lo comprime a 20-25 atmosfere. Durante questo processo, un forte aumento della temperatura a 55 gradi.

È questa energia che viene successivamente diretta al riscaldamento di una casa o al riscaldamento dell’acqua in una piscina.

Pompa di calore

Pompa di calore

Schema di funzionamento della pompa di calore

Disposizione degli elementi di un sistema di riscaldamento dell’acqua mediante una pompa di calore

Questo sistema funziona in un circolo vizioso: quando il fluido di lavoro e il refrigerante soddisfano il loro scopo, dopo aver attraversato le fasi di raffreddamento, si incontrano di nuovo per iniziare il ciclo in un modo nuovo. Pertanto, risulta che la maggior parte dell’energia viene spesa per il funzionamento del compressore stesso.

La potenza delle pompe di calore consente non solo di riscaldare le piscine, ma anche di fornire enormi cottage con una superficie fino a 300 metri quadrati con calore. metri.

Vantaggi delle pompe di calore:

  • ad alta potenza
  • riscaldamento dell’acqua veloce e riscaldamento degli ambienti
  • l’uso di fonti di energia gratuite (calore della terra, acqua, acque reflue, ecc.)

svantaggi:

  • alto prezzo

Bene, ora sai come riscaldare la piscina e con cosa si può fare. Resta solo da valutare i pro e i contro e fare la scelta giusta. Buona fortuna per la costruzione e la riparazione!

logo

Leave a Comment