Cucina

Quali piastrelle scegliere per la cucina: preziosi consigli

Quali piastrelle scegliere per la cucina

Chiunque abbia avviato una riparazione in cucina avrà molti problemi con la selezione di un’opzione adatta per la progettazione della stanza e con l’attuazione del piano. La questione della scelta dei materiali per la decorazione non è meno importante del progetto di design. Come materiale principale per la decorazione murale, puoi usare la carta da parati, il rivestimento e persino il legno. Ma una tale scelta è funzionale per la cucina? Per molti anni ormai, la piastrella in ceramica è stata considerata l’opzione più pratica. A causa della resistenza alle influenze aggressive, rispetto dell’ambiente e aspetto sempre impeccabile. Esistono molte varianti delle prestazioni delle piastrelle: è diversa non solo per colore, trama e dimensioni, ma ci sono molte differenze nelle caratteristiche operative. Per decidere quale piastrella è la migliore per la cucina, considera più in dettaglio tutti gli aspetti della scelta.

Soddisfare

  • Indice di riferimento – Prestazioni
  • La resistenza all’usura è l’interesse dei conservatori
  • Durezza superficiale delle piastrelle
  • Resistenza alla temperatura
  • Capacità di assorbimento dell’umidità
  • Resistenza all’aggressione chimica
  • Antiscivolo sul pavimento

 

  • Quale piastrella è migliore per la cucina
  • Come scegliere: suggerimenti
  • Indice di riferimento – Prestazioni

    • Resistenza all’usura.
    • Durezza superficiale.
    • Resistenza alla temperatura.
    • Assorbimento dell’acqua.
    • Resistenza chimicamente aggressiva.
    • Resistenza allo scivolamento.
    Di fronte e

    Un esempio dell’uso di elementi decorativi nel rivestimento

    La resistenza all’usura è l’interesse dei conservatori

    La durata delle piastrelle per pavimento dipende in gran parte dall’idoneità del materiale selezionato ai carichi previsti..

    La resistenza all’usura o, in altre parole, la resistenza all’abrasione delle piastrelle del pavimento destinate alla cucina appartiene al gruppo 3, come indicatore dell’abrasione delle piastrelle per ambienti con un’intensità di traffico media. È designato dal simbolo PEI III.

    Durezza superficiale delle piastrelle

    La durezza della superficie della piastrella (determinata dalla scala MOOCA) è un indicatore che determina la capacità di un materiale di resistere ai graffi dovuti all’esposizione a vari materiali abrasivi. Un numero compreso tra 1 e 10 in ordine crescente indica la resistenza ai graffi. Per una piastrella da cucina è sufficiente un indicatore di 5.

    Resistenza alla temperatura

    La resistenza a temperature estreme a prima vista non è un indicatore così importante in cucina. Ma se si suppone che sia piastrellato con una superficie su cui è possibile posizionare inavvertitamente un bollitore caldo, è meglio scegliere una piastrella con gli indicatori corrispondenti (almeno 125 ° C).

    Capacità di assorbimento dell’umidità

    L’assorbimento di umidità e la resistenza al gelo dipendono dalla porosità del materiale. Questi indicatori sono rilevanti se si intende rifinire la superficie in una stanza non riscaldata..

    Opzione cucina a mosaico

    Opzione parete a mosaico

    Resistenza all’aggressione chimica

    Questo indicatore determina il grado di resistenza superficiale di vari prodotti chimici domestici e la resistenza alle macchie. La capacità di una superficie di resistere alla colorazione viene valutata da un indicatore più grande (1) a uno più piccolo (3), per la cucina il valore ottimale è 1 o 2. L’indicatore di resistenza ai prodotti chimici AA significa che il prodotto non è esposto a prodotti chimici, l’indicatore A significa che il prodotto è resistente agli aggressivi l’impatto.

    Antiscivolo sul pavimento

    Che la piastrella debba essere sicura è fuori dubbio. Quando si scelgono piastrelle per pavimento, il requisito di sicurezza di base è la resistenza allo scivolamento. Questo indicatore mostra il coefficiente di attrito. Molto spesso viene misurato secondo le norme DIN. Per i pavimenti della cucina, l’indicatore corrispondente è R10, categoria A.

    Quali piastrelle scegliere per la cucina: preziosi consigli

    Variante del rivestimento del grembiule

    Quale piastrella è migliore per la cucina

    Se si suppone che solo una parte del muro sia piastrellata: la superficie di lavoro sopra il lavandino, parte del muro vicino al piano cottura e sopra il piano di lavoro (il cosiddetto “grembiule”), allora è più consigliabile scegliere piastrelle di piccole dimensioni della forma corretta. Forse l’aggiunta di un fregio decorativo o l’inserimento di elementi decorativi tra file di piastrelle pari. La cosa principale è la coincidenza delle dimensioni del decoro e della piastrella principale, nel caso anche di una leggera, a quanto pare, una discrepanza di diversi millimetri, l’alternanza geometrica degli elementi rivelerà inevitabilmente un difetto. Le cuciture saranno di diverse dimensioni, che a loro volta non decoreranno l’aspetto generale della superficie foderata. Qualche parola sulla stuccatura delle articolazioni. Puoi scegliere il colore della malta per abbinare il tono della tonalità della piastrella, oppure usare malta di un colore contrastante (ripetendo il colore del pavimento o il colore dei mobili). In ogni caso, l’uso di uno speciale materiale plastico per la stuccatura dei giunti proteggerà il rivestimento delle piastrelle dallo sviluppo di muffe e funghi, nonché dal possibile ritardo della piastrella dal muro.

    Come scegliere: suggerimenti

    È più difficile lavare una superficie in rilievo da gocce di grasso, piuttosto che liscia. Pertanto, quando si sceglie una piastrella da parete, è meglio prestare attenzione a una piastrella con una superficie liscia. Ma quando si sceglie una piastrella per pavimenti, è meglio prestare attenzione alla superficie opaca o leggermente in rilievo, sul pavimento liscio si noteranno piccoli graffi.

    Fai attenzione quando acquisti piastrelle con un margine. Circa il 10% del volume totale di piastrelle ti sarà utile per diversi motivi: in primo luogo, in caso di problemi imprevisti durante l’installazione, ti proteggi dalla necessità di cercare piastrelle mancanti nei negozi. In secondo luogo, in questo modo, si tiene conto della possibilità di ripristinare la superficie in futuro. È importante considerare che puoi facilmente “non entrare nel colore” quando acquisti piastrelle della stessa collezione, ma di un lotto diverso.

    Piastrelle della cucina

    L’unità di stile di piastrelle per pareti e pavimenti

    Quando si sceglie un colore di finitura, ognuno è guidato dalle preferenze personali, ma spesso capita che sullo stand nel negozio la piastrella sembrasse spettacolare, ma per qualche motivo non sembra a casa. Il fatto è che quando si scelgono il colore, la trama e il motivo delle piastrelle, devono essere presi in considerazione diversi fattori: illuminazione, dimensioni della stanza, direzione stilistica generale all’interno. Quando si scelgono pavimenti e rivestimenti, è importante considerare la compatibilità di colori e trame. In vendita ci sono anche collezioni di piastrelle già pronte, in cui è già selezionata una combinazione di colori di elementi decorativi, piastrelle per pareti e pavimenti. È solo necessario effettuare misurazioni accurate della cucina e calcolare il numero richiesto di piastrelle di ogni tipo.

    Quando si sceglie una piastrella di rivestimento, prestare attenzione non solo al suo colore, ma anche alla qualità: uniformità degli angoli, integrità dei bordi, qualità dello smalto e così via. È meglio farlo con uno specialista che poserà questa piastrella, perché in qualsiasi attività commerciale ci sono molte sottigliezze che il consumatore medio non conosce nemmeno. Certo, una tessera perfettamente piatta non accade, ma comunque. Uno degli indicatori della qualità delle piastrelle è la reputazione del suo produttore, non dovresti essere tentato dalla convenienza – rischi di acquistare un maiale in un colpo e non dovresti inseguire marchi molto costosi – pagherai troppo per la popolarità. Ecco un suggerimento: scegli sempre una via di mezzo.

    Come puoi vedere, il problema della scelta delle piastrelle per la cucina è facilmente risolvibile. È sufficiente mostrare interesse e armarsi di informazioni pertinenti sull’argomento.

    logo

    Leave a Comment