Altro

Illuminazione artificiale per piante d’appartamento: creare condizioni confortevoli per i tuoi fiori preferiti

Illuminazione artificiale per piante d’appartamento

Ho bisogno di ulteriore illuminazione per le piante? Coloro che sono coinvolti nella loro coltivazione daranno sicuramente una risposta positiva. Dopotutto, la luce gioca un ruolo enorme nella vita dei fiori. Senza di essa, possono morire. Se non è abbastanza, è difficile per gli spazi verdi ricevere e assorbire la quantità di energia necessaria per una crescita efficace..

Soddisfare

  • Piante diverse – esigenze diverse
  • Quanta luce sarà sufficiente
  • Specifiche della sorgente luminosa
  • Tipi di illuminazione
  • La regola delle tre “F”

Fortunatamente, questo problema è stato risolto 20 anni fa. L’avvento dei dispositivi di illuminazione artificiale (i cosiddetti LED) ha aiutato i giardinieri domestici a ottenere i migliori risultati nella loro gioiosa attività. Con il suo aiuto, è diventato possibile soddisfare le esigenze di un’ampia varietà di culture. E possono essere diametralmente diversi. Questo articolo discuterà le regole generali di questo importante processo..

fiori in casa

Vicino alla finestra, quasi tutti i fiori si sentono benissimo.

Piante diverse – esigenze diverse

Non ci sono fiori che potrebbero svilupparsi nella completa oscurità. L’illuminazione per piante d’appartamento è un must! La differenza sta solo nella sua quantità. Di norma, la giornata dovrebbe durare 12-16 ore e indipendentemente da ciò che è supportato: il sole, le lampade artificiali o entrambi. Ci sono specie che si adattano facilmente alle mutevoli condizioni, ma ci sono quelle che richiedono solo una certa illuminazione. Non ha bisogno di fiori che riposano di notte. Ma c’è chi vuole prendere il sole in più anche nella stagione invernale.

I seguenti fattori influenzano la buona crescita degli spazi verdi:

  • irrigazione adeguata;
  • temperatura ottimale;
  • umidità dell’aria necessaria;
  • preparazione superiore tempestiva;
  • illuminazione adeguata.

Per raggiungere quest’ultimo, l’illuminazione artificiale per le piante d’appartamento aiuterà. Ma è adatto solo per coloro che hanno subito l’adattamento all’illuminazione fioca (begonie, gloxinia e nazioni centrali). Alcune piante devono abituarsi a tale luce. Ad esempio, le orchidee impiegheranno circa un anno..

Quanta luce sarà sufficiente

Se parliamo della qualità della luce naturale, allora è abbastanza difficile da determinare. Perché? L’illuminazione, che è luminosa da un punto di vista umano, può essere percepita in modo diverso dai colori, perché il vetro della finestra filtra i raggi ultravioletti. Ma se non sono più di 2 metri dalla finestra, allora ci sarà abbastanza luce per una buona crescita.

fiori resistenti

Luce extra è necessaria per il verde in profondità nella casa.

È anche importante che le lampade per l’illuminazione delle piante si inseriscano armoniosamente nell’interno generale della stanza. Attualmente, ci sono dispositivi in ​​vendita in diversi aspetti e forme. Alcuni di loro sono praticamente invisibili, mentre altri contribuiscono alla progettazione delle stanze. Quando li scegli per la tua casa, presta attenzione all’effetto che avranno sulle piante. Ad esempio, posizionando la retroilluminazione in basso, la renderai assolutamente inutile per gli uomini belli.

Specifiche della sorgente luminosa

Ciascuna di tali fonti di origine naturale o artificiale emette energia. Il suo valore è determinato dalla lunghezza d’onda. Le onde provenienti dalla stessa sorgente possono avere lunghezze diverse. Insieme formano uno spettro che varia da 300 a 2500 nanometri. Per fare un confronto, l’occhio umano può percepire onde con una lunghezza di 380-780 nanometri. Usando un prisma di vetro, puoi dividere il raggio di luce in diverse lunghezze d’onda.

Quando si sceglie l’illuminazione a LED per le piante, è necessario tenere conto delle caratteristiche di cui sopra. Se fai una scelta sbagliata, il risultato potrebbe essere negativo. Il fatto è che le piante decidue hanno bisogno di uno spettro di illuminazione e le piante da fiore ne hanno bisogno.

Tipi di illuminazione

Nella rete commerciale puoi trovare due tipi di tali dispositivi: lampade a incandescenza e lampade fluorescenti. I primi sono divisi in diversi tipi. Il loro kit include attrezzature speciali. Poiché le lampade a incandescenza irradiano calore, è necessario prestare attenzione a non bruciare foglie e fiori. Se non è possibile acquistare lampade speciali, è possibile utilizzare normali 60 W.

tipi di illuminazione

Se necessario, è possibile utilizzare due tipi di illuminazione

Il vantaggio delle lampade fluorescenti è che difficilmente si riscaldano. Pertanto, l’illuminazione artificiale delle piante con il loro aiuto può essere prodotta a una piccola distanza dalle piante (15 cm).

1. Lampadine a incandescenza
Le lampade a scarica di gas possono essere alogenuri metallici (160 W, 6000 ore) o sodio (400 W, 12000 ore). Di solito vengono utilizzati per illuminare un numero limitato di colori. Una lampada con una potenza di almeno 150 W è fissata sopra le piante ad un’altezza di 1,5 metri. Il dispositivo deve essere dotato di un interruttore che regola l’intensità dell’illuminazione e un timer che registra automaticamente il tempo di illuminazione. Se appendi una lampada del genere su piante grasse e cactus, presto ti godrai i loro incredibili colori..

tipi di lampade

Una lampada a incandescenza, che emette calore, può danneggiare le foglie delicate

2. Tubi fluorescenti
Tali lampade possono emettere luce calda e fredda, che corrispondono ai componenti rosso e blu dello spettro. La media aurea è un approccio alla luce naturale. Se usi lampade a luce bianca fredda, che è molto lontana dalla natura, è meglio combinare due tipi di lampade. Va tenuto presente che la potenza di radiazione in essi ai bordi è inferiore rispetto al centro. Ricorda che le piante in crescita sotto l’illuminazione artificiale utilizzando tali dispositivi non sono adatte per fiori con un’altezza superiore a 1 metro. Forse dovranno essere abbinati a lampade a incandescenza ed è consigliabile cambiarle ogni anno.

La regola delle tre “F”

Lo sviluppo delle piante avviene attraverso tre processi in cui la luce gioca un ruolo enorme..

  • Fotosintesi: è coinvolto uno spettro di luce rossa. Come risultato del processo chimico, viene prodotta la clorofilla, che influenza il metabolismo delle foglie..
  • La fotomorfogenesi determina la crescita e lo sviluppo delle piante, che dipendono dalla lunghezza d’onda. Con una mancanza di onde dello spettro blu, si verificano sottosviluppo delle foglie ed estensione degli steli. Pertanto, l’illuminazione per le piante d’acquario, come per molte altre, dovrebbe combinare le onde di due spettri: rosso e blu.
  • Il fotoperiodismo tiene conto della reazione delle piante al rapporto tra periodi di buio e di luce. La fioritura di alcuni non dipende dall’intensità della luce, altri hanno bisogno di poche ore di luce diurne, mentre altri richiedono una certa quantità di ore di luce e solo a una determinata ora del giorno.

Se scegli l’illuminazione giusta per i tuoi animali domestici preferiti, puoi sempre rallegrarti del loro bellissimo aspetto! Non è quello che vogliamo?

logo

Leave a Comment