Fondazione

Impermeabilizzazione fai-da-te delle fondamenta: una solida barriera contro l’acqua

Impermeabilizzazione fai-da-te delle fondamenta

Il terreno, i capillari e l’acqua piovana minano la fondazione, contribuiscono alla sua subsidenza e deformazione. Quindi cosa bisogna fare per non lasciare la minima possibilità a processi così distruttivi? È l’impermeabilizzazione, una fase estremamente importante della costruzione, che proteggerà gli edifici residenziali e non residenziali dall’accumulo di umidità, dopo la costruzione della fondazione: il supporto e l’elemento portante principale della struttura. Non si può sostenere che questa tecnologia non richiede alcuna conoscenza ed esperienza speciale, ma in base a determinate regole, è del tutto possibile impermeabilizzare le fondamenta con le proprie mani. Allo stesso tempo, verranno risparmiati soldi per attrarre specialisti al lavoro.

Soddisfare

  • La fase iniziale della creazione di un sistema di impermeabilizzazione
  • Tipi di impermeabilizzazione della fondazione
  • Classificazione della protezione impermeabile secondo il metodo di applicazione
  • Impermeabilizzazione di una lastra monolitica
  • Protezione delle acque di fondazione
  • Lavorazione del mastice bituminoso
  • Applicazione di materiale in rotolo
  • Tipo di impermeabilizzazione spruzzata
  • Protezione delle fondamenta di colonne e pali
  • La fase iniziale della creazione di un sistema di impermeabilizzazione

    Quindi, ovviamente, quando si costruisce l’impermeabilizzazione, è necessario rispettare i codici e gli standard di costruzione. Prima di rispondere alla domanda: come impermeabilizzare correttamente la fondazione, è necessario decidere il tipo di impermeabilizzazione e i materiali adatti in ogni singolo caso. Pertanto, quando li scegli, devi considerare una serie di condizioni specifiche:

    – livello delle acque sotterranee;

    – eterogeneità del suolo;

    – la forza del gelo che solleva;

    – condizioni operative della struttura;

    – tipo di fondazione.

    Importante: se si considera questo processo dal punto di vista del consumo di materiale e della laboriosità del lavoro, è preferibile una fondazione monolitica, poiché non ci sono cuciture di collegamento che devono essere riempite con malta cementizia.

    Molte persone che non hanno familiarità con la tecnologia di impermeabilizzazione delle fondazioni o che si trovano ad affrontare un tale processo per la prima volta si chiedono se sia necessaria l’impermeabilizzazione delle fondamenta o è possibile avere a che fare con un’area cieca? C’è solo una risposta, l’impermeabilizzazione è necessaria, perché le fondamenta devono essere protette dalle acque superficiali, sotto forma di precipitazioni e dalle acque sotterranee, cioè dalle acque sotterranee.

    L’area cieca protegge le fondamenta dalla penetrazione dannosa e dagli effetti negativi delle acque superficiali. Quindi, prima di impermeabilizzare, dovresti pensare a come puoi deviare l’acqua dalla fondazione. A tal fine, vengono costruite aree cieche e, in casi particolarmente problematici, può essere necessario un sistema di drenaggio..

    Tipi di impermeabilizzazione della fondazione

    Esistono diversi tipi di impermeabilizzazione:

    – orizzontale – protezione delle pareti dall’assorbimento capillare. Fondamentalmente, la sua essenza è che sono disposti due sistemi di impermeabilizzazione di tipo orizzontale indipendenti. Il primo è sotto il seminterrato, e il secondo in cima alle lastre di fondazione, nei punti di supporto delle pareti;

    – verticale – si trova nella zona che inizia nella parte inferiore della struttura della fondazione e termina con il livello dell’acqua piovana (quando spruzzato). La tecnologia di tale impermeabilizzazione dovrebbe essere calcolata all’inizio della costruzione, quando la fossa di fondazione si addormenta. Vale a dire, è necessario tenere conto dello spessore dello strato, del suolo, dell’installazione di una protezione specifica sotto forma di lastre di cemento amianto, pannelli di schiuma di polistirene.

    Tipi di impermeabilizzazione della fondazione

    Impermeabilizzazione verticale e orizzontale

    Classificazione della protezione impermeabile secondo il metodo di applicazione

    A seconda del metodo di applicazione, distinguono l’adesivo impermeabilizzante, l’intonaco, l’intonaco e il montaggio.

    L’impermeabilizzazione al glucosio, infatti, è costituita da membrane multistrato impermeabili con una densità fino a 5 mm, nonché da pellicole bitume polimero-cemento (autoadesive). Come materiale impermeabilizzante simile, viene utilizzato materiale di copertura, glassine, coperture. Viene utilizzato per proteggere strutture in calcestruzzo, cemento armato e mattoni. Si applica facilmente, per questo è necessario riscaldare il materiale con un bruciatore a gas, quindi premerlo saldamente contro il muro e quindi lisciarlo con un rullo. Questo tipo di impermeabilizzazione si adatta perfettamente alla comparsa di crepe e umidità, ma c’è un inconveniente: sono necessari muri a pressione o massetti aggiuntivi.

    Okleechnaya impermeabilizza le fondamenta

    Okleechnaya impermeabilizza le fondamenta

    Sono disposte membrane con impermeabilizzazione fino a 3 mm di spessore. I migliori materiali, in termini di facilità d’uso e prezzo accessibile, sono componenti contenenti bitume e bitume. Sono applicati con grattugie, spatole o spray. Poiché il bitume diventa fragile a temperatura zero e perde la sua elasticità, la durata di tali materiali è limitata a 6-7 anni. Sì, e devi lavorare con loro a caldo.

    Anche oggi ci sono molte varietà di resine sintetiche, polimeri. Ad esempio, mastici bitume-polimero e bitume-gomma. Sono applicati allo stato freddo, questo fatto semplifica notevolmente il processo di impermeabilizzazione. Un altro esempio di impermeabilizzazione del rivestimento sono i mastici cemento-polimero, costituiti da cemento secco, con l’aggiunta di un riempitivo minerale. Il componente di cemento fornisce una buona adesione alla fondazione e il compito principale degli additivi plastificanti è l’uso in luoghi soggetti a deformazioni e vibrazioni..

    Mastici impermeabilizzanti

    Mastici impermeabilizzanti

    L’impermeabilizzazione del gesso consiste nell’applicazione di diversi strati di malta fino a 2,2 cm di spessore, in questo caso viene utilizzata una malta minerale-cemento, che include additivi che aumentano la resistenza all’umidità, il calcestruzzo polimerico e i mastici di asfalto. Questo tipo di impermeabilizzazione protegge notevolmente le fondamenta dall’assorbimento capillare, ma esiste anche la possibilità di crepe, quindi dovrebbe essere applicato solo a caldo.

    La creazione di schermi protettivi è il principio dell’impermeabilizzazione montata. L’argilla compatta, che dovrebbe essere posata in uno strato di 40-50 cm, è il materiale più economico e diffuso per questo tipo di impermeabilizzazione. Viene anche utilizzata l’argilla bentonitica, che funge da schermo protettivo, con uno spessore di 1-2 cm e uno strato di bentonite viene posizionato tra i fogli di cartone o geotessile. Durante il funzionamento, il guscio di cartone si rompe e la superficie della fondazione è circondata da argilla. Tale argilla viene prodotta sotto forma di pannelli isolanti o tappetini..

    Impermeabilizzazione a membrana della fondazione

    Impermeabilizzazione a membrana della fondazione

    Un altro eccellente schermo protettivo sono le geomembrane polimeriche. Tale schermo è costituito da un nastro tempestato e da un tessuto filtrante. I picchi arrotondati creano canali di drenaggio, attraverso i quali l’acqua entra nel sistema di drenaggio e i tessuti forniscono il pieno funzionamento, poiché protegge il sistema dalla siltazione. Vantaggi di queste membrane:

    – durata nel tempo;

    – neutralità verso l’ambiente ostile;

    – resistenza al movimento del suolo e deformazione strutturale.

    Ma ci sono anche alcuni svantaggi di tale impermeabilizzazione: quando le acque sotterranee si alzano sopra il livello dei tubi di uscita, gli schermi di drenaggio cessano di funzionare.

    Il dispositivo di impermeabilizzazione della fondazione dipende anche dal tipo di fondazione stesso.

    Impermeabilizzazione di una lastra monolitica

    È preferibile impermeabilizzare questo tipo di fondazione con un materiale di copertura a rullo, che viene posato sulle lastre di fondazione. Un riscaldatore si trova sopra il materiale di copertura, poiché l’isolamento e l’impermeabilizzazione della fondazione sono componenti importanti di qualsiasi costruzione. Quindi, viene realizzato un massetto sull’isolante e il rivestimento del pavimento è già posato su di esso.

    Impermeabilizzazione della fondazione della lastra con materiale di copertura

    Impermeabilizzazione della fondazione della lastra con materiale di copertura

    Importante: se la superficie della piastra è irregolare, è necessario eseguire un massetto di livellamento.

    Protezione delle acque di fondazione

    Come impermeabilizzare le fondamenta del tipo di nastro? Tale fondazione è impermeabilizzata in diversi modi:

    Lavorazione del mastice bituminoso

    Il mastice bituminoso è l’opzione più economica. È adatto in questi casi: per una protezione di alta qualità contro l’innalzamento capillare delle acque sotterranee e dalla penetrazione delle acque superficiali. Ma il rivestimento non proteggerà dall’acqua in pressione, poiché non resiste a un set di oltre 2 m. Viene applicato su una superficie piana, precedentemente asciugata..

    Impermeabilizzazione con mastice bituminoso

    Impermeabilizzazione con mastice bituminoso

    Importante: tale impermeabilizzazione necessita di protezione contro i danni meccanici che di solito si verificano durante il riempimento di una fossa di fondazione, poiché contiene detriti di costruzione.

    Come protezione è adatta:

    – geotessili laminati;

    -muro di serraggio in mattoni;

    – Isolamento EPPS.

    Applicazione di materiale in rotolo

    Ruberoid: il materiale è un po ‘più costoso del rivestimento. Ma poi è più resistente e durevole. La fondazione viene elaborata con mastice bituminoso caldo, su cui sono incollati 2 strati (minimo) di pannelli di feltro per coperture, necessariamente con una sovrapposizione di 10-20 cm.

    Materiale del rotolo impermeabilizzante

    Materiale del rotolo impermeabilizzante

    Tipo di impermeabilizzazione spruzzata

    L’applicazione di tale impermeabilizzazione è rapida e semplice grazie all’uso di uno spray speciale. Questo è un materiale più costoso che deve essere rinforzato con materiale geotessile legato termicamente..

    Impermeabilizzazione spray

    Impermeabilizzazione spray

    L’uso economico di questo metodo di impermeabilizzazione per fondazioni di configurazione complessa o se la fondazione è posta molto vicino a un’altra struttura.

    Protezione delle fondamenta di colonne e pali

    È estremamente difficile impermeabilizzare i pali e le pile. Questo processo richiede molto tempo e fatica. Pertanto, è consigliabile realizzare pile e pali di calcestruzzo resistente all’umidità. Bene, le pile di legno devono essere trattate con una soluzione anticorrosiva.

    Pertanto, possiamo giungere alla conclusione corretta che l’impermeabilizzazione di alta qualità è una garanzia che il progetto di costruzione, vale a dire la fondazione, non sarà esposto agli effetti dannosi delle precipitazioni e delle acque sotterranee. Devi solo prendere in considerazione tutte le caratteristiche della struttura dell’edificio ed eseguire correttamente il processo.

    logo

    Leave a Comment