Fondazione

Riscaldamento della zona cieca e seminterrato con vari materiali termoisolanti

Il riscaldamento della zona cieca e del seminterrato è un altro dettaglio importante nell’isolamento termico delle fondamenta della casa. Questa serie di misure ridurrà significativamente il costo del pagamento delle bollette per il riscaldamento, oltre a eliminare il possibile movimento verticale dell’area cieca a causa del congelamento del terreno. Certo, puoi sostenere che è sufficiente riscaldare solo le pareti della casa, ma anche se usi il materiale termoisolante più efficace per questi scopi, si formeranno ponti freddi a livello del pavimento. La ragione del loro verificarsi è che la conduttività termica dei materiali strutturali (mattoni, legno, cemento) è molto più elevata di quella dell’isolante e anche il seminterrato della casa o del sottofondo risulta isolato, il che contribuisce al deflusso del calore attraverso il pavimento. Pertanto, la fondazione deve essere isolata.

Soddisfare

  • Riscaldamento delle aree cieche – dall’inizio alla fine
  • Isolamento in schiuma poliuretanica
  • Polistirene espanso o polistirolo come riscaldatore
  • Isolamento del seminterrato – prepararsi per l’inverno
    • Riscaldiamo la base con schiuma di polistirolo
    • Opzioni di isolamento alternative
    • Riscaldamento delle aree cieche – dall’inizio alla fine

      In generale, l’area cieca è una striscia di cemento situata lungo l’intero perimetro dell’edificio e che protegge le sue fondamenta dagli effetti dannosi dell’umidità. Ma questo elemento di qualsiasi casa di campagna non è così semplice come sembra a prima vista.

      Riscaldamento delle aree cieche della fondazione, schema

      Lo schema del dispositivo di isolamento per la fondazione, l’area cieca e il seminterrato

      La principale complessità della costruzione dell’area cieca non è nel processo stesso, ma nei calcoli, che dipendono da diversi fattori: il tipo di terreno e la larghezza della grondaia. Quindi, ad esempio, su terreni ordinari, la larghezza dell’area cieca dovrebbe essere maggiore di 20-25 cm rispetto alla grondaia del tetto e se l’edificio è costruito su terreni cedevoli, la larghezza dell’area cieca dovrebbe essere di almeno 90 cm.

      Puoi riscaldare la zona cieca con diversi materiali, ma oggi i più popolari sono schiuma di poliuretano e schiuma di polistirolo.

      Isolamento in schiuma poliuretanica

      Schiuma poliuretanica – un materiale termoisolante spruzzato, caratterizzato da estrema durabilità, basso coefficiente di conducibilità termica ed elevata resistenza biologica e chimica.

      La schiuma di poliuretano viene applicata direttamente sulle macerie, precedentemente versate attorno all’intero perimetro dell’edificio.

      Importante: non applicare schiuma poliuretanica sul cuscino di sabbia, poiché la pressione creata nella pistola a spruzzo è così forte che può soffiare via la sabbia.

      Lo spessore dello strato di schiuma poliuretanica, in linea di principio, può essere qualsiasi, tuttavia, per isolare l’area cieca sarà sufficiente 5-7 cm, perché anche lo strato più piccolo di 5 cm affronta con successo il compito assegnato ad esso – eliminando il congelamento del terreno. Questo fastidio (se accaduto improvvisamente) può portare alla formazione di crepe sulla fondazione, all’oscillazione dell’area cieca e alla penetrazione dell’umidità nell’edificio. Grazie alla schiuma di poliuretano, tali momenti possono essere evitati e inoltre, poiché è applicato in modo assolutamente uniforme e impermeabile, non devi preoccuparti di impermeabilizzare.

      Polistirene espanso o polistirolo come riscaldatore

      Questo metodo di isolamento termico è relativamente semplice ed economico. I fogli di schiuma vengono posati su pietra frantumata o su materiale di copertura (a seconda di ciò che si utilizza). Per una maggiore resistenza e affidabilità, possono essere rivestiti con adesivo e si consiglia di schiumare i giunti con schiuma di montaggio, in modo che l’acqua non penetri all’interno. La sabbia o il terreno viene versato su lastre di schiuma di polistirolo e speronato. E poi tutto dipende dalle tue preferenze: o riempi tutto di cemento, o arrotoli l’asfalto, o decori con pietre e ciottoli o lasci tutto così com’è.

      Riscaldamento della zona cieca e seminterrato

      Riscaldamento della zona cieca e seminterrato con polistirolo espanso

      Isolamento del seminterrato – prepararsi per l’inverno

      Ma l’isolamento della base richiederà un po ‘più di tempo e richiederà molto sforzo. In generale, un seminterrato è la parte superiore della fondazione, che sorge a circa mezzo metro sopra la superficie della terra. Il seminterrato è in condizioni di elevata umidità, quindi è meglio usare materiali densi per la sua costruzione: mattoni bruciati, blocchi di cemento, ecc. E per il suo rivestimento: gesso, piastrelle di ceramica o lastre di pietra naturale o artificiale. Anche il seminterrato deve essere isolato saggiamente. Molto spesso, per questi scopi viene utilizzata schiuma di polistirene estruso, che anche in un ambiente umido presenta elevate caratteristiche di isolamento termico..

      Riscaldiamo la base con schiuma di polistirolo

      Per isolare la base, sarà sufficiente acquistare fogli di polistirolo di 10 cm di spessore, quindi procediamo.

      Innanzitutto, scaviamo una trincea con una profondità di circa 0,3-0,4 metri attorno all’intero perimetro della casa. Quindi è necessario gettare il massetto da calcestruzzo argilloso espanso, che facciamo da soli, sulla base della seguente formula: 1 parte di cemento, 6 parti di argilla espansa, 3 parti di sabbia, 0,8 parti di acqua e un cucchiaio di bagnoschiuma o sapone liquido.

      Riempiendo il massetto sul fondo della trincea e lasciandolo asciugare, iniziamo a installare fogli isolanti, che per una maggiore resistenza vengono lubrificati con adesivo e fissati alla base. Indipendentemente da come ci proviamo, gli spazi saranno ancora, ma possono essere eliminati con schiuma di montaggio.

      Importante: non dimenticare che quando si installano lastre di polistirene espanso, è necessario tenere conto di tutti i fori tecnologici (fognature, tubi di ventilazione, ecc.) E realizzare ritagli in luoghi appropriati, oppure installare tubi incorporati e altri elementi attraverso i quali verranno disegnate le reti di pubblica utilità.

      Un altro punto molto importante da non perdere: se la casa non ha un seminterrato, ma c’è un piccolo sottofondo che non si utilizza in alcun modo, è necessario lasciare delle aperture (prese d’aria) per la sua ventilazione. Con l’inizio del freddo, queste aperture vengono chiuse con tappi e in primavera vengono aperte. Non dimenticartene, perché se la strada ha già avuto una temperatura elevata per lungo tempo e l’inverno è ancora nel sottosuolo, lì si accumulerà sicuramente molta condensa che, come sai, non porterà a nulla di buono.

      Dopo aver fissato i fogli di polistirene espanso, lubrificiamo la sua superficie con la colla in modo che il calcestruzzo argilloso espanso si attacchi meglio. Successivamente, costruiamo la cassaforma e riempiamo tutto con la soluzione preparata. Di conseguenza, otteniamo un isolamento completamente isolato e protetto in modo affidabile dall’umidità e dalla base di roditori, che ti servirà per più di una dozzina di anni. E in modo da goderti non solo il calore, ma anche l’aspetto del seminterrato della casa, puoi rifinirlo con intonaco decorativo, rivestimento o mattoni di clinker, piastrelle o pietra naturale.

      Isolamento del seminterrato

      Schiuma di polistirene di fissaggio sulla base

      Schema di isolamento del seminterrato

      Cappellino riscaldato sezionale

      Per finiture seminterrato Saranno necessari rinforzi in rete e materiale stesso. Fissiamo i tasselli sull’isolante con i tasselli e quindi sulla composizione adesiva o sulla miscela sabbia-cemento piantiamo il materiale di rivestimento. Per una migliore adesione con schiuma di polistirolo sui fogli di isolamento, è possibile realizzare piccole tacche.

      Importante: assicurati che i tasselli entrino nel muro, altrimenti tutto il lavoro sulla decorazione del seminterrato andrà giù per lo scarico – tutta la tua bellezza cadrà semplicemente con il riscaldamento.

      Opzioni di isolamento alternative

      Oltre alla schiuma di polistirolo, la base può essere isolata con schiuma di polistirolo e può essere sia in fogli che in forma schiacciata e schiuma di poliuretano. Ma ai vecchi tempi, per l’isolamento termico della parte inferiore della casa, è stato costruito un blocco, che, a proposito, può essere trovato oggi, se si approfondisce ulteriormente la provincia. Il blocco era una cassaforma o un wattle, che era installato a una distanza di 40-50 cm dalle pareti della casa. Lo spazio tra il muro e la recinzione di wattle era coperto di paglia o una miscela di argilla e paglia con l’aggiunta di sabbia. Certo, era impossibile ottenere una casa a risparmio energetico usando questo metodo, ma non si attingeva al pavimento.

      Per riassumere, l’isolamento del seminterrato e delle aree cieche è una necessità, piuttosto che un capriccio del proprietario della casa. Qualcuno sosterrà che questi eventi sono irragionevoli sprechi di tempo, sforzi e denaro, tuttavia il fatto rimane: tutti coloro che hanno isolato la fondazione e con essa la base e l’area cieca hanno notato un risultato positivo nel primo inverno.

      logo

      Leave a Comment