Cucina

Quale linoleum scegliere per la cucina: informazioni preziose per chi sceglie

Quale linoleum scegliere per la cucina

Per molti decenni, il linoleum è stato il pavimento più popolare e tradizionale per la cucina. Questo materiale unico è senza pretese nel funzionamento, igienico, ha proprietà antistatiche, è facile da montare e, soprattutto, relativamente economico, a seconda del produttore e della qualità. Una vasta selezione di trame e colori che imitano il legno, il parquet, le piastrelle a mosaico, i pavimenti in laminato contribuiranno a creare un’atmosfera confortevole in cucina e un design organico dei suoi interni. Ma non affrettarti a fare shopping, prima devi capire quale linoleum scegliere per la cucina in modo che piaccia agli occhi e duri a lungo.

Soddisfare

  • Naturale: resistente e chic
  • Linoleum artificiale di bilancio
  • Linoleum omogeneo e multistrato
  • Famiglia o semi-commerciale?
  • Linoleum per la cucina: proprietà
  • Colori e trame del rivestimento
  • Suggerimenti per l’acquisto di linoleum

Naturale: resistente e chic

Molti non sospettano che il linoleum possa essere naturale. Ma una volta fu il primo a essere realizzato con materiali naturali come:

  • olio di lino;
  • sughero e farina di legno;
  • resina;
  • polvere di lime;
  • pigmenti naturali.

Tessuti naturali, come fibre di iuta o materiali non tessuti, sono utilizzati come base per questa miscela. Sin dai tempi dell’invenzione del linoleum naturale, la sua tecnologia di produzione non è cambiata.

Linoleum naturale

Linoleum naturale in cucina: un rivestimento prestigioso

Il linoleum naturale è considerato prestigioso come il parquet o, diciamo, il pavimento in sughero. Ha le seguenti qualità positive:

  • molta forza;
  • antistatico;
  • resistenza all’abrasione;
  • resistente ai grassi, prodotti chimici domestici aggressivi, solventi;
  • resistenza al fuoco;
  • ottimo isolamento termico e acustico;
  • proprietà battericide.

La cosa più importante nel linoleum naturale è la sua igiene e rispetto per l’ambiente, mantiene le sue proprietà uniche per tutta la sua durata (20-40 anni!). L’unico inconveniente è il suo costo piuttosto elevato, rispetto al costo di un analogo sintetico.

Linoleum artificiale di bilancio

Il cloruro di polivinile è la materia prima per la produzione di linoleum artificiale e questo fatto provoca molti timori per la sua sicurezza ambientale. Gli esperti assicurano che i rivestimenti in PVC di alta qualità che soddisfano i requisiti di GOST e tutti gli standard europei presentano vantaggi individuali del linoleum naturale, oltre a essere completamente sicuri per la salute umana e questo dà motivo di usarli con fiducia in cucina come pavimento.

Linoleum artificiale per la cucina

Il linoleum artificiale per la cucina è molto più economico del naturale

Come si può distinguere il linoleum naturale dalla sua controparte artificiale? Prima di tutto, annusiamo: il rivestimento artificiale emana chimica, mentre il materiale naturale emana un odore di olio naturale. In secondo luogo, all’interno della seconda si vede chiaramente la fibra di iuta. Il linoleum in vinile è morbido e flessibile, si piega facilmente. Rivestimento naturale – molto più rigido, si piega come un sottile compensato quando piegato. Se lo si desidera, un pezzo può essere separato da un rivestimento naturale e tagliato solo dal linoleum sintetico.

Sia il linoleum naturale che quello sintetico sono rivestiti con una composizione chimica per proteggere dalle contaminazioni. Gli aderenti a uno stile di vita sano e i prodotti rispettosi dell’ambiente possono scegliere un rivestimento che non è stato trattato con composti chimici, ma con mastici naturali.

Linoleum omogeneo e multistrato

I rivestimenti artificiali sono divisi in omogenei (omogenei) e multistrato (eterogenei).

Omogeneo non hanno una base, sono uniformi per tutto lo spessore e sottili, tuttavia hanno elasticità e resistenza. Il motivo penetra nel rivestimento per tutto lo spessore e ciò consente di mantenere un aspetto soddisfacente del materiale, anche con la sua usura irregolare. La sua caratteristica distintiva è una superficie ruvida su cui lo sporco è completamente invisibile. Viene applicato con successo in locali ad alto traffico. Questo rivestimento dura fino a 7 anni, ma questo periodo può essere prolungato se vengono applicati speciali strati protettivi..

La struttura del linoleum multistrato

La struttura del linoleum multistrato

Eterogeneo i rivestimenti hanno una struttura multistrato. Può essere presentato sotto forma di “sandwich” costituito da una base, fibra di vetro impregnata con pasta di PVC, uno strato di PVC espanso con un motivo applicato su di esso, uno strato protettivo trasparente e un substrato chimico o meccanico.

Se è presente una base sul retro della fibra di vetro impregnata, più è densa, maggiore sarà l’isolamento termico e acustico, il rivestimento in linoleum sarà resistente alle deformazioni. In altre parole, maggiore è la densità del linoleum, maggiore sarà la resistenza alle sollecitazioni meccaniche. Scegliendo linoleum per la cucina, questo parametro può essere stimato confrontando il peso dei rivestimenti dello stesso spessore. Più pesante sarà il linoleum, maggiore sarà la sua densità e, di conseguenza, la durata.

La base di iuta, simile alla tela da imballaggio, mantiene un calore eccellente, tuttavia su tale linoleum rimangono tracce di mobili e tacchi. Ma il rivestimento con la base schiumata è più elastico, morbido e resistente, tale inquinamento e umidità non hanno paura di tale linoleum, quindi è ideale per la cucina.

Famiglia o semi-commerciale?

Lo strato protettivo superiore in linoleum trasparente (trasparenza) protegge il motivo e determina la resistenza all’abrasione del materiale. Più spesso questo strato, maggiore è la resistenza all’usura del linoleum e, di conseguenza, la sua durata. Secondo questo e altri importanti indicatori, i linolei eterogenei si dividono in domestici, semi-commerciali e commerciali.

Linoleum semi-commerciale in cucina

Per la cucina, è meglio scegliere un linoleum semi-commerciale resistente all’usura

Sebbene il rivestimento sia destinato all’uso nella vita di tutti i giorni, in cucina è consigliabile posare non linoleum per uso domestico, ma semi-commerciale, che viene utilizzato, di regola, in stanze con un carico più intenso e che è caratterizzato da una maggiore resistenza all’usura. Combina con successo la facilità d’uso e l’installazione tipica del linoleum domestico con la “resistenza” e le proprietà uniche dei linoleum commerciali.

Linoleum per la cucina: proprietà

I pavimenti della cucina devono essere protetti da batteri e microrganismi dannosi, nonché da funghi. A questo proposito, il linoleum naturale è la soluzione migliore, perché contiene olio di semi di lino, un potente antisettico naturale che proteggerà non solo il pavimento, ma anche l’aria nella stanza dai microbi e per tutta la vita.

Linoleum naturale in cucina

Il linoleum naturale in cucina manterrà le sue proprietà protettive per lungo tempo

Il linoleum sintetico o artificiale può anche avere rivestimenti antifungini e antibatterici. Questo può essere, ad esempio, uno strato protettivo con microparticelle d’argento, che rilascia nell’aria ioni d’argento che, come sapete, impediscono la crescita di microbi. Alcuni tipi di pavimenti sintetici sono anche trattati con un composto antifungino. Tuttavia, le proprietà protettive del linoleum artificiale, a differenza del naturale, si indeboliscono nel tempo.

Colori e trame del rivestimento

Attualmente, i moderni tipi di linoleum sul mercato si distinguono per una ricca selezione di colori e trame.

Trama e colori di linoleum

Nell’assortimento c’è una copertura per la disposizione di qualsiasi cucina

I rivestimenti artificiali ti consentono di creare accoglienti interni da cucina in diversi stili. Le più ampie possibilità decorative sono rappresentate dal linoleum sintetico eterogeneo. I rivestimenti per pavimenti in PVC sono disponibili nei classici toni giallo-beige-marrone, ma ancor più piacevole alla vista è un’imitazione affidabile di materiali naturali: pietra, legno, piastrelle di ceramica.

Indubbiamente, il più popolare è il linoleum, che imita i costosi rivestimenti per pavimenti: marmo, parquet, mosaico. Nel caso dell’imitazione del parquet, i produttori di linoleum di alta qualità hanno ottenuto non solo la riproduzione di motivi di quercia, faggio, ciliegio e specie esotiche (bambù, palissandro, zebrano), ma anche una struttura in legno naturale.

Imitazione di struttura in legno naturale su linoleum

Imitazione di struttura in legno naturale su linoleum

Al culmine della popolarità ora, l ‘”invecchiamento” artificiale, quando il materiale sembra legno o pietra squallido.

La tecnica dell’intarsio sembra molto impressionante: un mosaico fatto di impiallacciatura di legno. Personalità audaci e straordinarie preferiranno probabilmente disegni geometrici e astratti con un design voluminoso: un’ottima soluzione per lo stile pop art.

Linoleum di campagna per cucina

Linoleum di campagna per cucina

Le cucine in stile provenzale o country sono idealmente combinate con un rivestimento in linoleum che imita una serie di legno massello. Un linoleum monofonico con una trama in rilievo si adatterà al meglio all’interno di una cucina moderna o high-tech.

Linoleum per la cucina

Il linoleum con una struttura in rilievo si adatta alla cucina in stile modernista

Gli appassionati di classici della cucina sceglieranno sicuramente il linoleum per le piastrelle di ceramica.

Linoleum per piastrelle

Linoleum di piastrelle in cucina – per gli amanti dei classici della cucina

Devi sapere! Un piccolo motivo a piastrelle allarga visivamente lo spazio di una piccola cucina. Lo stesso effetto può essere ottenuto posizionando un motivo “piastrellato” o “bordo” in diagonale o coprendo il pavimento della cucina con linoleum di tonalità chiare fredde.

Linoleum per il pavimento in cucina

Il motivo piastrellato diagonale allarga una cucina visivamente piccola.

La calda gamma di colori crea un’atmosfera di comfort domestico, i colori brillanti e contrastanti danno una spinta di vivacità, i disegni monotoni leniscono. Il linoleum, diverso per colore e consistenza, aiuterà a dividere la cucina visivamente grande in aree funzionali separate, nonché a separare l’area della cucina dalla sala da pranzo.

Avendo deciso di acquistare linoleum naturale per la cucina – in questo articolo sono presentate le foto delle varie soluzioni di design – si dovrebbe prestare particolare attenzione alla scelta dei colori. Perché? Il fatto è che nel tempo, gli oli vegetali si seccano e il colore del rivestimento naturale può cambiare temporaneamente, anche se poi, sotto l’influenza della luce ultravioletta, diventerà di nuovo lo stesso. I rivestimenti beige diventano gialli, mentre il grigio e il blu “diventano verdi”.

Suggerimenti per l’acquisto di linoleum

  1. Cerca di scegliere, in base alle dimensioni della stanza, una copertura abbastanza ampia da fare senza giunture e cuciture antiestetiche. Inoltre, sul mercato, la larghezza delle specie di linoleum presentate varia da un metro e mezzo a quattro.
  2. Per evitare discrepanze di colore e consistenza, i pezzi di linoleum (se acquistiamo più pezzi di rivestimento) dovrebbero provenire dallo stesso lotto.
  3. Quando acquisti linoleum per la cucina – come sceglierlo visivamente, sappiamo già che non dobbiamo dimenticare che più pesante è la tela, maggiore è la sua densità, il che significa migliori prestazioni e una maggiore durata.
  4. Un altro punto importante nella scelta del linoleum sono le sue proprietà antiscivolo. La superficie goffrata in rilievo o il rivestimento speciale con microparticelle che aumentano l’attrito minimizzeranno la probabilità di lesioni su un pavimento della cucina scivoloso.
  5. Durante il trasporto, il linoleum viene arrotolato, ma in nessun caso viene piegato, perché può rompersi quando viene piegato.
  6. Prima della posa, il rotolo deve essere steso e lasciare riposare bene il linoleum..
    metodi alternativi di pulizia del linoleum

Ora che abbiamo fatto una breve escursione nel mondo ricco e diversificato di un pavimento così sorprendente come il linoleum, e sei già ben versato in quale linoleum è meglio per la cucina, puoi tranquillamente andare al negozio e scegliere ciò che sarà più di tuo gradimento e migliore si adatterà all’interno della tua cucina.

logo

Leave a Comment