Soffitto

Come allineare il soffitto con le tue mani: diversi metodi e metodi di attuazione

Come allineare il soffitto con le tue mani

Iniziando la revisione di un edificio residenziale, è impossibile ignorare la decorazione del soffitto, che è preceduta da una serie di lavori preparatori, in particolare, livellandone la superficie. Quando ti chiedi come livellare il soffitto, devi sapere che ci sono diversi metodi di livellamento: usare il muro a secco – il metodo “a secco” e l’uso di intonaco – il metodo “a umido”.

Soddisfare

  • Preparare la superficie del soffitto per il livellamento
  • Rimozione di materiale vecchio
  • Eliminazione di muffe e funghi

 

  • Tecnologia di livellamento del soffitto
    • Eliminazione di crepe e crepe
    • Mettere il primo strato di stucco
    • Applicazione dei successivi strati di soluzione
    • Posa di rinforzo in fibra di vetro
    •  

    • La fase finale – stucco finale
    • Allineamento del soffitto in cartongesso
    • Altri modi per livellare i soffitti
      • Controsoffitti: puliti, veloci e belli
      • Soffitti tesi – concorrente sospeso
      • Metodo

        Metodo “bagnato” per livellare il soffitto con intonaco

         

        Vale la pena notare che la tecnologia più utilizzata per livellare la superficie del soffitto con intonaco. Le lastre di gesso, di regola, vengono utilizzate nei casi in cui ci sono grandi differenze di altezza sul soffitto. Pertanto, oltre alle tue preferenze, dovrai essere guidato dal buon senso e dalle raccomandazioni degli specialisti. La differenza di giunti sulla superficie del soffitto superiore a 5 cm è un valido argomento per il livellamento con pannelli a secco. Gli esperti non consigliano in questi casi di scegliere l’intonaco come materiale di livellamento, poiché il suo strato spesso può portare a una situazione pericolosa quando esiste il rischio di caduta dello strato di intonaco. Indubbiamente, è abbastanza pericoloso per la vita e la salute, specialmente per i bambini.

        Il metodo

        Il metodo “a secco”: livellare il soffitto con il muro a secco

         

        Un’altra sfumatura a cui vale la pena prestare attenzione è l’altezza del soffitto. Se non è abbastanza grande, si deve tener conto del fatto che la struttura di livellamento del cartongesso “ruba” qualche centimetro più prezioso. Putty salverà questi centimetri.

        Preparare la superficie del soffitto per il livellamento

        Vale la pena notare che stucco per soffitto offre molto meno problemi nei nuovi edifici, dove c’è solo la superficie delle piastre. Tuttavia, le case e gli appartamenti in cui la superficie del soffitto è stata ripetutamente stucco, dipinto e incollato sono incomparabilmente più grandi. In questo caso, iniziando una riparazione, dovrai preoccuparti di riportare il soffitto nella sua forma originale, cioè lavare tutti gli strati di materiali precedentemente applicati.

        Rimozione di materiale vecchio

        Il processo di rimozione di uno strato di intonaco esistente può essere in qualche modo facilitato seguendo una serie di raccomandazioni. In primo luogo, per rimuovere lo strato di intonaco precedentemente applicato, è necessario utilizzare una spatola abbastanza appuntita, che dovrebbe essere periodicamente affilata durante il funzionamento. Coloro che amano lavorare, tenendo la spatola con entrambe le mani, devono scegliere un prodotto con una maniglia lunga. Questo creerà una certa comodità..

        Rimozione del gesso

        In secondo luogo, per facilitare la rimozione dell’intonaco dal soffitto, è sufficiente immergerlo con acqua semplice. Questo viene fatto usando una spugna inumidita con acqua o un flacone spray. Se il soffitto è coperto con vernice a base d’acqua, è possibile utilizzare la soluzione di iodio per rimuoverlo. Quindi, per 8 litri di acqua, è sufficiente una piccola bolla di iodio. Per rimuovere la vernice a dispersione acquosa, saranno necessari lavaggi speciali e, in caso contrario, pazienza e una buona spatola. Quando si utilizza una composizione speciale che viene applicata con un rullo e lasciata per circa 30 minuti, la vecchia vernice viene facilmente rimossa con una spatola.

        Dopo aver pulito la superficie del soffitto dal vecchio intonaco, è possibile procedere alla sua rimozione ai giunti delle piastre. Per questo, il piccone, il martello e la spatola affilata sono più spesso utilizzati. Vale la pena notare che non è necessario eliminare l’intera cucitura, è sufficiente rimuovere solo l’intonaco che può essere scheggiato senza troppe difficoltà.

        Eliminazione di muffe e funghi

        Tra i lavori preparatori c’è lo smaltimento del soffitto da muffe o altri funghi. Molto spesso si verificano in quelle stanze dove c’è un maggiore grado di umidità. Se ignori lo stampo esistente, apparirà sicuramente sul nuovo rivestimento del soffitto, che rovinerà non solo il suo aspetto, ma anche l’atmosfera quando si contemplano le macchie scure. La rimozione del fungo è anche necessaria a causa del fatto che ha un effetto negativo sulla salute umana.

        Fungo sul soffitto

        Se la muffa e il fungo non vengono rimossi prima di applicare lo strato di livellamento, “germoglieranno” nel nuovo materiale e rovineranno il rivestimento

        Dopo aver completato la pulizia delle giunture e delle fessure, il soffitto viene completamente trattato con un primer, progettato per migliorare l’adesione (adesione) di pannelli in calcestruzzo e stucco. Per l’adescamento di superfici piane, di norma, viene utilizzato un rullo e per punti difficili da raggiungere: un pennello delle dimensioni richieste.

        Tecnologia di livellamento del soffitto

        Alla fine dei lavori preparatori, puoi iniziare a colmare le lacune più grandi. Per questi scopi, utilizzare uno stucco progettato specificamente per lavori difficili e traino. Una caratteristica dello stucco per la sgrossatura è la sua maggiore densità e granularità rispetto a materiali simili per i lavori di finitura.

        Eliminazione di crepe e crepe

        Il rimorchio è completamente imbevuto di una soluzione di mastice, quindi le crepe e le crepe vengono calandrate su di esso. Per prevenire la formazione di nuove crepe e aumentare le dimensioni di quelle esistenti, rinforzare le giunture delle piastre con una rete. Il mastice deve essere applicato ai bordi delle piastre, in cui verrà pressata la rete. Gli esperti raccomandano di premere la rete nella soluzione fino a quando non si trova approssimativamente al centro della miscela solidificante..

        Traino per sigillare crepe e fessure

        Rimorchio per la riparazione di crepe sulla superficie del soffitto

        Mettere il primo strato di stucco

        Quando si esegue il riempimento continuo della superficie piana dei pannelli del controsoffitto, il primo strato di malta viene solitamente applicato utilizzando una spatola larga. L’intonaco viene applicato “su se stesso” e lo spessore dello strato applicato non deve superare i 2 cm. Successivamente, utilizzando la regola – uno strumento di costruzione speciale – la superficie dello strato viene livellata con movimenti a zig-zag.

        Se è necessario ottenere uno strato di intonaco sufficientemente spesso, si consiglia di “pettinare” il primo strato applicato mentre è ancora morbido. “Pettinare” l’intonaco con uno speciale pettine in gesso. Dopo l’indurimento completo del primo strato, per il quale sono necessari 2-3 giorni, viene applicato lo strato successivo di soluzione.

        Come allineare il soffitto con le tue mani: diversi metodi e metodi di attuazione

        “Pettinare” il primo strato di intonaco

         

        Vale la pena notare che il tempo necessario per asciugare la soluzione applicata varia a seconda del grado di umidità nella stanza. È ovvio che in una stanza sufficientemente calda e asciutta, l’intonaco si indurisce più velocemente che in una stanza con elevata umidità. La realizzazione di lavori di riparazione spesso contribuisce a un aumento dell’umidità, quindi è meglio dedicare tempo con un margine per asciugare l’intonaco. Non è consigliabile ridurre artificialmente l’umidità, ad esempio, aprire le finestre e ventilare l’ambiente.

        Applicazione dei successivi strati di soluzione

        Dopo aver applicato i successivi strati di malta con una spatola, si consiglia di capovolgere la regola di costruzione e impostarla con il bordo dritto “verso di te”. Con questa disposizione, viene fornito un migliore allineamento della superficie del soffitto. Di conseguenza, il primo strato di intonaco è lo strato più spesso. Premette forte contro il soffitto e “pettinato”. Gli strati successivi erano più sottili. Pertanto, questo stadio può essere chiamato allineamento approssimativo del soffitto.

        Nel caso in cui durante la preparazione della superficie del soffitto per la pittura o la successiva tappezzeria, dopo aver applicato uno strato di intonaco su una lastra di cemento, dopo 10 minuti, inumidirlo con acqua e pulire con una grattugia di feltro. Questa misura ti permetterà di uniformare le tracce e le rientranze lasciate dopo aver lavorato con una spatola. Quindi dovresti aspettare il momento in cui la superficie dello strato applicato di intonaco si asciuga, quindi levigarlo ulteriormente con una grattugia metallica. Solo dopo puoi procedere con la carta da parati o la pittura adesiva. Inoltre, in questa fase è possibile utilizzare uno speciale intonaco livellante per livellare la superficie del soffitto..

        Posa di rinforzo in fibra di vetro

        In presenza di soffitti piuttosto problematici, “decorati” con crepe, viene utilizzata la fibra di vetro. Con il suo aiuto, viene eseguito il rinforzo, sia dell’intera area del soffitto, sia delle sue singole parti.

        Fibra di vetro per soffitto

        La vetroresina viene utilizzata per rinforzare il soffitto con un gran numero di crepe.

        Gli esperti osservano che rinforzare la superficie del soffitto con la fibra di vetro non farà male se è uniforme e non presenta scheggiature e crepe. Per il rinforzo, il tessuto in fibra di vetro viene tagliato in nastri, con cui viene rinforzato l’ultimo strato di intonaco livellante o stucco.

        La fase finale – stucco finale

        Dopo aver incollato la superficie del soffitto con fibra di vetro o applicato uno strato di intonaco, è necessario lasciare asciugare il soffitto. Quindi, usando una spatola, le tracce della regola vengono accuratamente rimosse dalla superficie, dopo di che puoi iniziare a levigare il soffitto con carta vetrata o una grattugia speciale con una rete di levigatura.

        Immediatamente prima di applicare gli strati dello stucco di finitura, pulire accuratamente la superficie del soffitto della polvere che si è formata dopo la macinazione. Di norma, per questo viene utilizzato un aspirapolvere con una spazzola morbida, una spazzola asciutta o bagnata. Tuttavia, vale la pena considerare che dopo aver usato una spazzola bagnata, è necessario lasciare asciugare il soffitto.

        Stucco per finitura

        Mettere stucco di finitura sul soffitto

        Successivamente, usando una spatola lunga, puoi iniziare ad applicare diversi strati di mastice di finitura. Ogni strato precedente dovrebbe anche asciugare completamente..

        Allineamento del soffitto in cartongesso

        Risolvendo la domanda su come allineare il soffitto con le proprie mani, è possibile optare per il metodo “a secco”, che prevede l’installazione di una costruzione a secco che nasconde difetti sulla superficie del soffitto.

        Questo tipo di lavoro viene eseguito con differenze di altezza sufficientemente elevate sul soffitto. Inoltre, l’installazione del soffitto in cartongesso può ridurre significativamente i costi finanziari e di tempo per livellare la sua superficie. Dopo aver montato l’intera struttura, è possibile ottenere immediatamente una superficie piana che è priva di difetti e pronta per la tappezzeria.

        Soffitto del muro a secco

        Allineamento del soffitto: costruzione del muro a secco

        Quindi, il soffitto fatto di pannelli di cartongesso è una struttura di profili metallici e muro a secco. Il telaio della dimensione desiderata è assemblato da profili metallici, a cui verranno attaccati i fogli di muro a secco.

        In generale, l’installazione di tale progetto è un’implementazione sequenziale dei seguenti tipi di lavoro:

        • Contrassegnare la posizione del futuro soffitto in cartongesso.
        • Contrassegnare i punti in cui verranno fissate le sospensioni che trattengono l’intera struttura.
        • Telaio montato realizzato con profili metallici.
        • Nella progettazione del telaio finito, vengono montate tutte le comunicazioni necessarie, in particolare il cablaggio.
        • I fogli del muro a secco sono preparati per il processo di installazione. Pertanto, viene data la forma necessaria e vengono determinate le dimensioni necessarie. Eccesso ritagliato.
        • Il muro a secco è montato sul telaio montato.

        Vale la pena notare che il soffitto in cartongesso può essere montato in qualsiasi stanza. Attualmente, nel mercato dei materiali da costruzione e finitura, è possibile trovare lastre di cartongesso, caratterizzate da una buona resistenza all’umidità e resistenza a molte influenze esterne..

        Altri modi per livellare i soffitti

        Una superficie del soffitto attraente e uniforme può essere ottenuta con l’aiuto di controsoffitti sospesi e sospesi..

        Controsoffitti: puliti, veloci e belli

        Secondo il metodo di installazione, questo tipo di soffitto è estremamente simile all’installazione di soffitti in cartongesso. Inoltre, le sospensioni sono fissate alla soletta del soffitto in cemento, progettata per fissare il telaio di profili metallici. Quindi, vengono installati pannelli decorativi che possono essere realizzati in vari materiali: metallo, fibra minerale, truciolare.

        Controsoffitto

        Controsoffitto: un’alternativa al livellamento del soffitto con stucco

        Di norma, la scelta dei pannelli tra uno o l’altro materiale dipende da una serie di criteri:

        • Qualità di isolamento acustico del materiale.
        • Permeabilità all’aria.
        • Resistenza all’umidità.

        Quando si scelgono controsoffitti, si dovrebbe tener conto del fatto che “rubano” fino a 20 cm di altezza del soffitto.

        Soffitti tesi – concorrente sospeso

        Una buona, ma costosa opportunità per ottenere un soffitto piatto in un salotto è l’installazione di controsoffitti. Questa è una soluzione moderna, la cui installazione richiede l’intervento di specialisti.

        Soffitto teso

        Allineamento del soffitto: soffitto teso

        Il fatto è che una speciale cornice baguette è fissata attorno al perimetro del soffitto, in cui è fissata una tela di polivinilcloruro (PVC), preriscaldata con una pistola termica. Successivamente, la tela si raffredda e si allunga, diventando forte ed elastica. Vale la pena notare il fatto che oggi esiste la possibilità di ordinare un soffitto teso di qualsiasi colore desiderato.

        Pertanto, ci sono diversi modi per livellare la superficie del soffitto in un salotto. La scelta di questo o quel metodo dipende dalle tue preferenze, dalla disponibilità di fondi, dalle dimensioni dello spazio abitativo e da una serie di altri fattori. Non importa quale metodo di livellamento sia stato scelto, l’importante è avvicinarsi all’attuazione dei lavori di riparazione con cura e con la dovuta attenzione. In questo caso, il risultato sarà di alta qualità e pratico e il soffitto durerà per un lungo periodo di tempo..

        logo

        Leave a Comment