Porte, pareti divisorie

Installazione di pareti divisorie per cartongesso: costruzione del telaio e rivestimento

Installazione di pareti divisorie per cartongesso

Attualmente, le partizioni del muro a secco hanno guadagnato una grande popolarità e hanno conquistato l’amore sia dei costruttori che dei consumatori ordinari. Il fatto è che un tale design ha molti vantaggi. Innanzitutto, la partizione finita ha una superficie liscia, che consente immediatamente dopo l’installazione di utilizzare varie opzioni di finitura: vernice, carta da parati o altri materiali. In secondo luogo, i fogli per cartongesso hanno buone caratteristiche prestazionali, in particolare sono permeabili al vapore. Ciò consente loro di creare il microclima più ottimale nel soggiorno. Inoltre, le pareti divisorie del muro a secco sono sicure in caso di incendio, poiché sono abbastanza resistenti al fuoco. La possibilità di montare partizioni di quasi tutte le configurazioni è anche un indubbio vantaggio di questo materiale.

Soddisfare

  • Lastra per cartongesso – rivestimento perfetto per telaio metallico
  • La base del design degli interni è una struttura in metallo
  • Profili di guida (PN) per pareti divisorie in cartongesso
  • Profili rack
  • Profili angolari per giunti divisori

 

  • Isolamento delle pareti divisorie in cartongesso
  • Il design di tale partizione può essere diverso. Pertanto, la guaina del telaio metallico può essere a strato singolo o a due strati. Anche lo spessore dei profili utilizzati per creare il telaio può essere diverso..

    Parlando della costruzione di pareti divisorie per cartongesso, è necessario determinarne gli elementi principali. Questi includono direttamente lastre di cartongesso, una struttura metallica fatta di profili (cremagliera, binario, angolo) e materiali isolanti.

    Lastra per cartongesso – rivestimento perfetto per telaio metallico

    I cartongesso (GKL) sono spesso chiamati pannelli di gesso o gesso secco. Il loro scopo principale è la produzione di controsoffitti, vari tipi di pareti divisorie e rivestimenti murali.

    La struttura di questo materiale di finitura è piuttosto semplice: è costituita da un’anima in gesso e cartone per il rivestimento. Il nucleo è spesso realizzato con il marchio di gesso G-4, che è caratterizzato da tutte le proprietà necessarie per i lavori di costruzione e finitura. Il GCR realizzato sulla base di questo gesso favorisce l’assorbimento dell’umidità in eccesso dall’aria e, se manca, il suo rilascio. Pertanto, il cartongesso può essere giustamente considerato un materiale “respiratorio”..

    Struttura dello strato del muro a secco

    Struttura GKL

    L’anima in gesso finita è ricoperta di cartone. L’adesione di alta qualità di questi due materiali viene effettuata utilizzando speciali additivi adesivi. Il cartone è una sorta di telaio in lamiera a secco, che, tra le altre cose, è anche una superficie di lavoro per la decorazione.

    Oggi ci sono diverse modifiche di GCR, ognuna delle quali soddisfa i requisiti necessari in determinate condizioni operative. Quindi possiamo distinguere:

    • GKLV. Questo è il muro a secco utilizzato in ambienti con elevato grado di umidità. Tali fogli sono sottoposti a un trattamento speciale con vari composti impermeabilizzanti e antisettici..
    • GKLO è ideale per le stanze in cui la probabilità di incendio è piuttosto elevata. Nella fabbricazione di tale muro a secco, vengono utilizzati alcuni additivi che aumentano la resistenza al fuoco.
    • GKP – fogli combinati per cartongesso.

    La base del design degli interni è una struttura in metallo

    La base della partizione del muro a secco è la sua struttura in metallo. La sua installazione viene eseguita da diversi tipi di profili, ognuno dei quali differisce per determinati carichi funzionali. Per la fabbricazione di profili, di norma, viene utilizzato nastro d’acciaio. Il suo spessore può variare da 0,55 mm a 0,8 mm. Profili laminati a freddo.

    Telaio da profili per pareti divisorie in cartongesso

    Struttura in metallo per pareti divisorie in cartongesso

    La protezione dei profili da influenze ambientali negative fornisce la loro galvanizzazione. Un normale ambiente aereo contribuisce alla formazione di carbonato di zinco sulla superficie del profilo. Uno strato di zinco protegge il profilo dalla diffusione del processo di ossidazione. L’efficacia di un tale rivestimento protettivo è determinata da un’adesione abbastanza forte di zinco e superficie d’acciaio.

    Indubbiamente, la struttura in metallo deve essere abbastanza robusta da sostenere non solo il proprio peso, ma anche il peso dei fogli del muro a secco, del materiale decorativo futuro e dei possibili elementi sospesi, come orologi o dipinti. Per garantire un elevato grado di resistenza dei profili utilizzati, le nervature di irrigidimento che si verificano sul piano del profilo aiutano. Esternamente, assomigliano alle ondulazioni.

    I profili possono essere:

    • montati a rack;
    • guide;
    • angolare.

    Profili di guida (PN) per pareti divisorie in cartongesso

    I profili guida sono uno degli elementi principali del frame della partizione. Hanno una sezione speciale sotto forma di un canale. Lo scopo principale di tali profili è quello di creare una base guida per controparti montate su rack. Inoltre, i profili guida possono svolgere il ruolo di ponticelli situati tra i profili rack. Questa necessità può sorgere, ad esempio, durante l’installazione di telai di porte in una partizione.

    Ogni profilo guida ha fori speciali per tasselli, con i quali il telaio è attaccato alla base. Se lo si desidera, è possibile praticare fori aggiuntivi..

    Profilo guida

    Profilo guida (PN) per parete divisoria in cartongesso

    Profili rack

    Oltre ai profili guida, l’installazione di pareti divisorie per cartongesso comporta la presenza di profili rack (PS), che hanno anche una sezione simile a un canale. Sono utilizzati per creare rack disposti verticalmente di un telaio metallico di una partizione di muro a secco. Questi rack sono progettati per fissare in modo sicuro fogli di cartongesso su di essi..

    Alla parte centrale del profilo del rack, che si chiama “back”, con un angolo di 90? piega due ripiani. La loro larghezza è di 0,5 cm. Vale la pena notare che è nominale, poiché la sua larghezza reale è di circa 0,48 cm. Questa configurazione del profilo consente un’adesione sufficientemente affidabile e forte di due profili: guida e cremagliera. La larghezza indicata dei ripiani contribuisce alla penetrazione precisa della vite nel foro. Ciò è particolarmente importante quando si affronta il telaio in due strati di muro a secco.

    Inoltre, i ripiani del profilo della cremagliera si distinguono per la presenza di scanalature longitudinali, generalmente nella quantità di tre pezzi. La scanalatura centrale è una sorta di indicatore del luogo in cui i fogli di muro a secco sono uniti. Le scanalature laterali centrano le viti utilizzate. Quando si installa una partizione metallica, potrebbe essere necessario stabilire determinate comunicazioni tecniche. Per questi scopi, ci sono fori speciali nella parte posteriore del profilo. Di norma, sono accoppiati e il loro diametro è di circa 33 mm. L’installazione dei profili rack viene eseguita direttamente nei profili guida. Per la loro connessione di alta qualità, le viti vengono utilizzate più spesso..

    Cremagliera per il fissaggio di GKL

    Profilo rack per telaio metallico

    Profili angolari per giunti divisori

    I giunti angolari durante l’installazione della partizione sono luoghi piuttosto vulnerabili. Per il loro dispositivo, vengono spesso utilizzati fogli di cartongesso con un bordo dritto. Tuttavia, questa soluzione ha uno svantaggio: c’è un aumento della probabilità che si verifichino danni meccanici alla partizione durante il suo funzionamento diretto. Al fine di evitare tali conseguenze indesiderate, è consuetudine utilizzare i profili angolari (PU).

    Il vantaggio del profilo angolare è che si adatta abbastanza comodamente a un angolo di partizione di 90 °. L’adesione tra il foglio di cartongesso e il profilo metallico viene eseguita utilizzando stucco, che riempie i fori nella mensola del profilo. Se la superficie fatta di fogli di cartongesso è curva, vengono utilizzati i profili ad arco, il cui raggio di curvatura può variare.

    Profilo angolare di una partizione del muro a secco

    Profilo angolare di partizione in cartongesso

    Isolamento delle pareti divisorie in cartongesso

    Spesso, l’isolamento acustico e l’isolamento termico sono previsti nelle pareti a secco. Il polistirene espanso è il materiale isolante più comune per questo, ma la lana minerale può essere un’alternativa..

    La particolare popolarità del polistirolo espanso è dovuta alle sue prestazioni. Il fatto è che ha una struttura stabile in un ampio intervallo di temperature. Non è influenzato negativamente da vari prodotti chimici. Inoltre, la schiuma di polistirolo non crea un ambiente favorevole per la crescita di batteri e funghi muffa.

    Isolamento delle pareti divisorie con schiuma di polistirolo

    Polistirene espanso per l’isolamento acustico e termico delle pareti divisorie in cartongesso

    Pertanto, la divisione delle lastre di cartongesso comprende una serie di elementi strutturali, ognuno dei quali ha il suo scopo. Conoscere le loro funzionalità ti consente di affrontare in modo abbastanza competente il problema dell’organizzazione della partizione, per evitare gli errori più comuni durante la sua installazione e per ottenere un risultato di alta qualità.

    logo

    Leave a Comment