Riscaldamento

Caldaie a pirolisi a combustione lunga: svantaggi e vantaggi, principio di funzionamento

Caldaie a pirolisi a combustione lunga

Nonostante l’emergere di nuovi metodi di riscaldamento, i residenti dell’Europa occidentale, degli Stati Uniti e della CSI, in particolare quelli che non sono disponibili per un motivo o per l’altro, continuano a riscaldare le case con i combustibili più convenienti: carbone, torba o legna da ardere. È vero, le vecchie stufe sono state sostituite da caldaie tradizionali e caldaie a pirolisi – moderne ed efficienti, dotate di sistemi di controllo automatico. Funzionano con combustibile solido a prezzi accessibili, che si esaurisce quasi senza residui, fornisce alta potenza ed efficienza e sono in grado di lavorare su uno o due download per un massimo di 24 ore, fornendo una perdita di calore minima.

Soddisfare

  • Il principio di funzionamento, la caldaia dispositivo pirolisi
  • Carburante per una caldaia a pirolisi
  • Caratteristiche di lancio e lavoro
  • Come scegliere una caldaia per pirolisi
  • Elenco di vantaggi e svantaggi

Il principio di funzionamento, la caldaia dispositivo pirolisi

Le caldaie a pirolisi a gas a combustione lunga sono laboratori domestici che estraggono gas dalla legna da ardere, che viene successivamente utilizzata per il riscaldamento. La pirolisi come processo esotermico fisico-chimico è stata a lungo utilizzata in vari settori. La sua essenza è la decomposizione di composti organici complessi (petrolio, carbone, legno) ad alte temperature e il limitato accesso dell’ossigeno a sostanze semplici – solide, liquide e gassose.

Pertanto, una caldaia per pirolisi è un dispositivo di riscaldamento a due camere, nella cui camera superiore ad una temperatura da 200 a 800 ° C si verifica una reazione esotermica di pirolisi del legno, a seguito della quale si decompone in frazioni: carbone e gas di pirolisi, costituiti principalmente da CO e insignificanti quantità di CO2. Una miscela di gas di pirolisi e aria viene immessa nella camera di combustione inferiore e, bruciando a una temperatura di 1100-1200 ° C, emette una grande quantità di calore, che viene utilizzata per il riscaldamento.

Caldaia a pirolisi come generatore di gas: principio di funzionamento e dispositivo

Fasi della caldaia per pirolisi

Di conseguenza, le caldaie a pirolisi a combustibile solido per produrre energia termica in realtà non bruciano gas, ma gas, fornendo un’alta efficienza dell’85-90%. La combustione del gas, come sapete, è più facile da controllare e questo, a sua volta, consente di automatizzare il processo di controllo del sistema di riscaldamento.

Strutturalmente, la fornace della caldaia per pirolisi è composta da due camere indipendenti separate da griglie. Nella camera di carico di gassificazione superiore, ad alta temperatura e carenza di ossigeno, bruciatori di carburante e pirolisi. L’eliminazione del calore dalla camera superiore è impedita dal combustibile che giace sulla griglia, attraverso il quale un flusso debole di aria primaria passa dall’alto verso il basso.

Dispositivo caldaia pirolisi

La caldaia per pirolisi del dispositivo e del circuito

Il gas generato emesso durante il processo contemporaneamente al flusso d’aria secondario entra nella camera di combustione inferiore, la cui parte inferiore è un ugello in ceramica resistente al calore – chamotte. I forni di questo tipo di caldaie per riscaldamento sono caratterizzati da una maggiore resistenza aerodinamica e quindi utilizzano tiraggio forzato, che viene implementato non da un ventilatore, ma da uno scarico di fumo.

Durata del lavoro caldaia a gas su un carico dipende dalla temperatura in strada e al chiuso, dalla qualità dell’isolamento della casa, dal tipo di combustibile e dalla sua umidità, dal design competente del sistema di riscaldamento, ma il ceteris paribus il loro lavoro rispetto alle tradizionali controparti a combustibile solido è molto più efficiente.

Carburante per una caldaia a pirolisi

In pratica, le caldaie a pirolisi a combustibile solido possono funzionare in modo efficiente su qualsiasi tipo di combustibile solido, sia esso legno, torba, carbone marrone e nero. Ovviamente, la durata della combustione completa per ciascun tipo di carburante è diversa e si presenta così:

  • legno tenero – il tempo di combustione non è superiore a 5 ore;
  • legno massiccio – tempo di combustione di circa 6 ore;
  • il carbone brucia si esaurisce in circa 8 ore;
  • il carbone nero brucia fino a 10 ore.

A questo proposito, l’opinione degli utenti è interessante, il che si riflette in modo eloquente nelle loro recensioni: le caldaie a pirolisi sono più efficaci quando si lavora su legno secco. È una legna secca con una lunghezza di 45-65 cm, il cui contenuto di umidità non supera il 20%, non solo fornisce la massima potenza della caldaia, ma ne prolunga anche la durata.

Naturalmente, in assenza di legna da ardere di alta qualità, qualsiasi combustibile organico con un alto rendimento di frazioni volatili è adatto per generare gas nella caldaia, a condizione che sia autorizzato dal produttore della caldaia:

  • rifiuti di legno;
  • pellet e bricchette di carburante;
  • alcuni tipi di torba;
  • rifiuti di carta dell’industria alimentare;
  • carbone.

Importante: la generazione di gas di pirolisi brucia con una fiamma quasi bianca, praticamente non emettendo sottoprodotti della combustione, a condizione che la selezione delle portate d’aria primarie e secondarie e dell’umidità del carburante non superi il 20-30%.

Se l’umidità del carburante è superiore a quanto consentito, il processo di combustione sarà accompagnato dal rilascio di una grande quantità di vapore acqueo, e questo è irto di formazione di fuliggine, catrame, diminuzione del potere calorifico del gas di pirolisi e persino dell’estinzione della caldaia.

Caratteristiche di lancio e lavoro

Quando si lancia una caldaia a pirolisi a combustibile solido, è necessario tenere conto delle caratteristiche che lo distinguono dalle caldaie a combustibile solido tradizionali. Tutti comprendono che il funzionamento dell’unità in modalità generatore di gas grazie a due camere dotate di speciali valvole-regolatori a saracinesca – cancelli, ma non tutti ricordano che, a differenza delle caldaie tradizionali, la tramoggia di alimentazione della caldaia a pirolisi dovrebbe essere preriscaldata.

Una volta che la temperatura al suo interno, a seconda del tipo di combustibile, raggiunge i 500-800 ° C ottimali, puoi iniziare a caricare combustibile solido e solo allora portare il cancello in modalità pirolisi e avviare lo scarico del fumo.

Caratteristiche del lancio e del funzionamento delle caldaie a pirolisi

Una pura fiamma bianco-giallastra è la prova della corretta impostazione del generatore di gas e dell’assenza di prodotti di combustione tossici nella miscela di fumo

Con questa sequenza di azioni all’avvio, viene assicurata una combustione lenta e priva di ossigeno del carburante, il gas di pirolisi viene rilasciato e bruciato in modo efficiente con bianco-giallastro puro e una temperatura confortevole costante viene mantenuta nella stanza riscaldata per tutto il giorno.

Come scegliere una caldaia per pirolisi

Coloro che hanno la possibilità di acquistare legna secca o addirittura asciugarli in caso di umidità eccessiva possono acquistare in sicurezza caldaie per riscaldamento a pirolisi, senza dubitare dell’efficacia del loro lavoro.

Se non si ha fiducia in tale opportunità, è possibile scegliere una moderna caldaia di riscaldamento ad alta tecnologia, il cui forno combina l’80% della combustione ad alta efficienza del combustibile per pirolisi e il 20% di quello tradizionale. Le moderne caldaie combinate forniscono una combustione di alta qualità non solo della legna da ardere, ma anche dei rifiuti di legno, torba, carbone o qualsiasi altra miscela con un contenuto di umidità fino al 50%.

Come scegliere una caldaia per pirolisi

La caldaia combinata è dotata di una camera di carico di un volume molto grande ed è in grado di bruciare l’80% del carburante in modalità pirolisi e il 20% in modalità di una caldaia a combustibile solido convenzionale

Ceteris paribus, si consiglia di scegliere una caldaia, il volume della camera di carico in grado di ospitare legna da ardere lunga fino a 65 cm.Inoltre, entrambe le camere dovrebbero essere coperte con cemento ceramico di alta qualità: garantisce una temperatura ottimale all’interno dell’apparato, una combustione del combustibile di alta qualità e protegge le pareti dalle bruciature. Una buona caldaia dovrebbe fornire un tempo di combustione fino a 10 ore e servire per almeno 20 anni.

Elenco di vantaggi e svantaggi

In conclusione, citiamo gli indiscutibili “vantaggi” dei dispositivi di riscaldamento a gas e i “svantaggi” da cui la caldaia a pirolisi non è ancora gratuita – recensioni degli utenti.

Quindi, i vantaggi:

  1. Di facile manutenzione e in assenza di alimentazione principale del gas rimangono l’opzione migliore per il riscaldamento.
  2. Facilità di caricamento: una volta ogni 10-15 ore, cioè rispetto al tradizionale caldaie a combustibile solido 2 volte meno.
  3. Elevata compatibilità ambientale: il combustibile si esaurisce quasi completamente, i gas di combustione non contengono quasi alcun prodotto di combustione tossica e, durante il funzionamento del generatore di gas, la concentrazione di CO2 è 3 volte inferiore all’indicatore corrispondente di una caldaia a combustibile solido convenzionale.
  4. Una piccola quantità di cenere nel forno e all’interno del camino dopo il completamento dei lavori facilita la pulizia e il successivo riempimento del generatore di gas.
  5. Velocità di riscaldamento molto elevata del liquido di raffreddamento, acqua o aria, a una temperatura confortevole di 60 ° C.

svantaggi:

  1. Alto costo delle caldaie a gas: 1,5 “volte più costoso degli analoghi a combustibile solido tradizionali.
  2. Tutti i modelli di apparecchi di riscaldamento a pirolisi sono unità a circuito singolo che non riscaldano l’acqua per scopi domestici.
  3. Troppo esigente per il carburante: non lavorare su carburante con umidità aumentata.
  4. Non in grado di funzionare in modalità completamente automatica: il carburante deve essere caricato manualmente.

Ciononostante, l’elevata compatibilità ambientale, l’efficienza e l’economia ottenute attraverso la completa combustione del combustibile e le scarse perdite di calore compensano completamente le carenze delle caldaie che generano gas a pirolisi e il circolo dei loro ammiratori si sta costantemente espandendo..

logo

Leave a Comment