Riscaldamento

Caldaie a combustibile solido per bruciature lunghe: assortimento di mercato, regole di installazione

Caldaie a combustibile solido a lunga combustione

Le caldaie a combustibile solido per bruciature lunghe sono dispositivi speciali che consentono di organizzare il riscaldamento autonomo di una casa o un appartamento. I primi progetti di questi dispositivi sono noti da tempo immemorabile, quando le persone riscaldavano la casa solo con il loro aiuto per mancanza di gas naturale ed elettricità. Ora la maggior parte delle case è gassificata ed elettrificata, ma nelle aree più remote dove non sono previste tali comunicazioni, è indispensabile una caldaia per il riscaldamento a combustibile solido.

Soddisfare

  • Esperti di caldaie a combustibile solido
  • Tipi e principi di lavoro
  • Installazione della caldaia a combustibile solido

 

Esperti di caldaie a combustibile solido

Gli specialisti nel campo della fornitura di calore distinguono una serie di indiscutibili vantaggi delle caldaie a combustibile solido:

1. Basso costo.

2. La capacità delle caldaie combinate e universali di operare su diversi tipi di combustibile.

3. Combustibile economico (la legna da ardere è 15 volte più economica dell’elettricità, il gasolio è 7 volte più economico e il carbone è circa 2 volte più economico).

4. Autonomia: non è necessario collegarli alla rete elettrica e ad altre comunicazioni.

5. Alta efficienza e funzione automatica di mantenimento della temperatura dell’acqua.

6. La presenza del telecomando.

7. Questo è il tipo più ecologico di apparecchiature di riscaldamento, i prodotti di combustione a combustibile solido quasi non inquinano l’ambiente, il che non si può dire, ad esempio, dei prodotti di combustione di gas naturale.

Caldaia per riscaldamento a combustibile solido all'interno

Caldaia per riscaldamento a combustibile solido all’interno

Ma su caldaie a combustibile solido le recensioni degli esperti non sono sempre solo positive, ma evidenziano una serie di carenze:

1. La necessità di caricare manualmente regolarmente il carburante (nei modelli economici – ogni 2-4 ore, in pirolisi – due volte al giorno).

2. La necessità di una manutenzione regolare.

3. Consegna regolare di combustibile solido alla caldaia e sua preparazione preliminare prima del carico.

Tipi e principi di lavoro

Queste caldaie possono essere classificate:

1. Per tipo di combustibile consumato:

1.1. Tradizionale (funzionano con combustibile solido: carbone, legna, torba). Se si desidera utilizzare caldaie a combustibile solido per legna, ma carbone, torba, ecc. usato di rado, scegli le modifiche speciali più adatte a questo carburante. Bruceranno il legno anche con il 35% di umidità.

Scegli l’altezza del camino in base alla potenza della caldaia e alle sue dimensioni interne..

Caldaia tradizionale a combustibile solido: schema

Caldaia tradizionale a combustibile solido – schema a blocchi

1.2. Combinato o caldaia a gas con la funzione di pirolisi a legna. La loro principale differenza rispetto a quelle tradizionali è che oltre alla legna da ardere stessa, il gas di legna può essere bruciato, rilasciato dalla legna sotto l’influenza delle alte temperature. Nel processo di combustione, appare un minimo di cenere, la fuliggine non si forma, ma si brucia insieme a composti pesanti. Il vantaggio principale di tali caldaie è un’elevata efficienza dell’85%, nonché la capacità di regolare la potenza. Ma sono significativamente più costosi di quelli tradizionali e può essere utilizzato solo legno secco. Tra i produttori, le aziende ceche più famose sono Dakon, Atmos e German – Olymp.

Caldaia a combustibile solido

Il dispositivo di una caldaia a gas solido

1.3. Universale (può funzionare con combustibili solidi e liquidi, gassosi e anche con l’elettricità). Sono molto popolari in Europa. L’elettricità viene utilizzata attraverso i riscaldatori elettrici integrati nella “camicia” della caldaia – elementi riscaldanti elettrici. Gli ElectroTEN vengono generalmente utilizzati di notte in caso di guasto del focolare principale.

2. Per funzionalità:

2.1. Circuito singolo (progettato solo per il riscaldamento d’ambiente).

Caldaia a combustibile solido a circuito singolo

Una caldaia a combustibile solido a circuito singolo è integrata solo nel circuito di riscaldamento

2.2. Doppio circuito (in grado di riscaldare la stanza e lavorare sul riscaldamento dell’acqua grazie al circuito di alimentazione dell’acqua calda (ACS) incorporato). Una caldaia a doppio circuito a combustibile solido viene utilizzata per il riscaldamento degli ambienti, nonché per la preparazione di acqua calda in modo accumulato o scorrevole. Accumulativo: suggerisce una speciale caldaia integrata da 60 litri. Scorrimento: presuppone la presenza di uno scambiatore di calore nella caldaia, con il quale l’acqua viene riscaldata in modalità di flusso. In modo fluido, l’acqua calda viene preparata rapidamente, ma non possiamo parlare di grandi volumi.

3. In base al materiale con cui sono realizzati:

3.1. Ghisa. Le caldaie in ghisa a combustibile solido sono generalmente dotate di un focolare, sono costituite da più sezioni, il cui numero dipende dalla capacità dell’unità. Hanno una lunga durata di 50 anni, ma spesso richiedono riparazioni, ad esempio sostituendo una sezione bruciata. Tali caldaie sono pesanti, devono essere posizionate su un pavimento rinforzato, sono più costose dell’acciaio.

Caldaia a combustibile solido in ghisa

Caldaia a combustibile solido in ghisa: l’opzione più costosa, ma anche a più lungo termine

3.2. Acciaio. Le caldaie a combustibile solido realizzate in acciaio si riscaldano più rapidamente della ghisa e supportano più precisamente la modalità specificata.

Sono dotati di una serpentina per il riscaldamento dell’acqua e alcuni modelli sono dotati di riscaldatori elettrici. La durata è di 30 anni. Svantaggi: per la fornitura di carbone, la griglia deve essere sempre sostituita in ghisa o raffreddata ad acqua.

4. In base al numero di telecamere:

4.1. Flusso singolo (sono presenti sia ghisa che acciaio). Le caldaie a caldaia singola devono essere riconfigurate ogni volta, passando da un combustibile all’altro, poiché i parametri della camera per ciascun tipo di combustibile sono diversi. Se intendi utilizzare principalmente legna da ardere, scegli un focolare spazioso.

4.2. Due carburanti (solo acciaio). Non è necessario riconfigurarli quando si passa da un tipo di combustibile a un altro, poiché ci sono camere di legno separate per gas o liquidi. Tali caldaie sono più efficienti della caldaia singola. Molto spesso, sono universali con la possibilità di installare stufe elettriche. Inoltre, queste caldaie sono a doppio circuito a combustibile solido, hanno sempre un secondo circuito: una griglia integrata (come Bosch) o uno scambiatore di calore.

Caldaia a combustibile solido

Una caldaia a combustibile solido a doppio combustibile serve sistemi di riscaldamento e fornitura di acqua calda o due circuiti di riscaldamento

5. Secondo il metodo di alimentazione del carburante:

5.1. Metodo manuale (nei modelli domestici). Le caldaie a stato solido completamente automatizzate per uso domestico non sono comuni, sebbene lo sviluppo attivo sia in corso in questa direzione.

5.2. Automatizzato (utilizzato solo nell’industria). Caldaie a combustibile solido industriali completamente automatizzate. Non sono riscaldati da legna da ardere, ma da trucioli di legno, trucioli, seghe pressate. Dotato di un dispositivo come un fuochista o un bruciatore di bunker. Stockker è una scatola di metallo dotata di un trasportatore a coclea, adattata per alimentare direttamente il dispositivo del bruciatore, in cui è presente una ventola di sovralimentazione. Anche il consumo di carburante è regolato e dipende dalla temperatura dell’acqua. In Russia, tali unità non sono prodotte, solo all’estero.

Installazione della caldaia a combustibile solido

L’installazione di una caldaia a combustibile solido deve essere eseguita nel rigoroso rispetto delle istruzioni, nonché delle norme di sicurezza. sequencing:

1. Costruzione sul pavimento di un pezzo grezzo di materiale non combustibile, ovvero una “piattaforma” su cui funzionerà la caldaia. La base della fondazione dovrebbe essere più larga di 20 mm rispetto all’unità stessa.

2. Installazione della caldaia.

3. Collegamento della caldaia al camino.

4. Collegamento del dispositivo all’impianto di riscaldamento.

5. Controllo dell’attrezzatura per difetti.

6. L’implementazione del primo test di accensione.

Collegamento della caldaia a combustibile solido

Quando si collega una caldaia a combustibile solido, è necessario osservare rigorosamente le istruzioni del produttore e le regole tecnologiche

raccomandazioni:

  1. La distanza di accesso alla caldaia non deve essere < 1m.
  2. Tutti gli oggetti infiammabili possono essere posizionati a distanza no < 25 cm dalla caldaia. E legna da ardere, bricchette e altro combustibile – almeno 40 cm.
  3. È vietato fondere la caldaia con benzina, cherosene, gasolio, carta lucida, scarti di laminato, pannelli di particelle, pannelli duri, poiché durante la combustione vengono rilasciate sostanze tossiche.
  4. Il miglior combustibile: legna secca, torba, segatura, coca cola o pellet.
  5. Ispezionare le apparecchiature regolarmente. È necessario rimuovere le scorie di combustibile di cenere prima di ogni accensione.
  6. Pulire settimanalmente il forno e il cassetto cenere dell’unità in modo che i camini non siano intasati.

Con il corretto funzionamento, queste unità sono in grado di funzionare a lungo e in modo molto efficiente. Le caldaie a combustibile solido sono caratterizzate positivamente dalle recensioni dei consumatori con una lunga esperienza nel funzionamento di questi dispositivi. Le persone che vivono in case in cui tali caldaie sono l’unico modo per riscaldare i locali, ne parlano come apparecchi di riscaldamento affidabili e durevoli.

logo

Leave a Comment