Ventilazione

Recuperatore d’aria: cos’è, perché e come realizzarlo con le proprie mani?

Recuperatore d’aria: cos’è

Tutti sanno che per creare un clima interno salubre è necessaria la ventilazione. L’aria pulita deve entrare nella stanza dalla strada, ma allo stesso tempo, la stessa quantità di aria viene rimossa dalla stanza. In inverno, insieme al deflusso di aria “di scarico”, il calore prezioso e così costoso ora sta irrimediabilmente lasciando la stanza, e in estate, quando i condizionatori d’aria lavorano nella stanza, l’aria calda fornita complica solo il loro lavoro. Quindi, al fine di non lasciare letteralmente andare questi soldi, è stato inventato il recuperatore d’aria.

Soddisfare

  • Che cos’è un recuperatore??
  • Classificazione dei dati del dispositivo
  • Recuperatore di tipo rotativo
  • Recuperatore a piastre
  • Installazione ad aria forzata e di scarico con recuperatore
  • Funzioni, lavoro, compiti
  • Recuperatore fai-da-te come calcolare l’efficienza

Che cos’è un recuperatore??

La parola “recuperatore” deriva dal latino “recuperatio”, che significa ritorno o ritorno. Nel nostro caso, questo è uno scambiatore di calore che restituisce calore in inverno, che fuoriesce da una stanza con aria di scarico e in estate impedisce al calore di entrare con aria fresca.

Quindi, come è organizzato il recuperatore di calore e qual è il principio del suo funzionamento? Il diagramma schematico del recuperatore è abbastanza semplice ed è uno scambiatore di calore a doppia parete, in cui, senza miscelazione, ci sono due flussi di aria: scarico e alimentazione. A causa della differenza di temperatura dei flussi d’aria, si scambiano energia termica tra loro, cioè l’aria fredda viene riscaldata e l’aria calda viene raffreddata. Inoltre, durante il raffreddamento dell’aria calda, l’umidità viene rimossa da essa a causa della condensa sulle pareti dello scambiatore di calore.

Il recupero è, infatti, un metodo per ridurre le perdite attraverso il sistema di ventilazione, ovvero la tecnologia di risparmio energetico. Con l’aiuto del recupero, è possibile risparmiare oltre il 70% del calore residuo. L’energia viene riutilizzata in un unico processo! Esistono recuperatori di varie capacità e design.

Classificazione dei dati del dispositivo

  • Secondo lo schema di movimento dei refrigeranti (diretto, contro-flusso)
  • In base alla progettazione (tubolare, nervato, lamellare, ecc.)
  • Su appuntamento (per riscaldamento aria, liquidi, gas)

Recuperatore di tipo rotativo

Recuperatore rotativo

Il recuperatore rotativo è caratterizzato da un’eccellente efficienza, il principale svantaggio sono le grandi dimensioni

È rappresentato da un cilindro corto riempito di strati ondulati di acciaio ondulato disposti longitudinalmente. Tale rotore si trova nella direzione dell’asse del dispositivo di scarico del flusso. Il tamburo del recuperatore ruota, passando prima l’aria calda di scarico attraverso se stesso, quindi fornendo aria fredda. Le piastre vengono alternativamente riscaldate e raffreddate e il calore viene trasferito all’aria fredda in entrata. I recuperatori rotanti sono altamente efficienti, ma sono piuttosto ingombranti. Per una corretta organizzazione del sistema di alimentazione e scarico, è necessaria una spaziosa camera di ventilazione.

Recuperatore a piastre

Recuperatore di piastre

Lo svantaggio principale dello scambiatore di calore a piastre è il frequente congelamento del lato di alimentazione delle piastre esterne in inverno

È rappresentato da una cassetta in cui i canali di passaggio dell’aria di mandata e di scarico sono separati da piastre di lamiera d’acciaio zincato. I flussi non si mescolano, ma il trasferimento di calore è inevitabile a causa del fatto che le piastre vengono contemporaneamente raffreddate e riscaldate da diversi lati.

Un recuperatore d’aria a piastre (chiamato anche cross-precision) è abbastanza comune a causa del suo basso costo e design compatto. Ma c’è una caratteristica: esiste un’alta probabilità di congelamento del dispositivo dal lato di scarico, se la temperatura esterna è abbastanza bassa, a causa della formazione di condensa nei condotti di scarico.

Figura 1. Recuperatore di piastre

Il dispositivo e il principio di funzionamento dello scambiatore di calore a piastre

Se valutiamo l’efficacia degli scambiatori di calore a piastre, l’efficienza di tali dispositivi è di circa il 60%. Un’altra caratteristica importante è un dispositivo molto semplice dello scambiatore di calore (senza sfregamento e parti in movimento), in questo dispositivo non utilizza alcun elemento che consuma elettricità.

Uno scambiatore di calore a piastre, nonostante alcuni inconvenienti, vale a dire: frequente congelamento dello scambiatore di calore nella stagione fredda, una caratteristica progettuale dell’intersezione obbligatoria dei tubi di entrambi i condotti dell’aria nello scambiatore di calore, che può essere difficile da implementare, è più comune per l’installazione di fornitura e scarico in case, appartamenti e garage. Il congelamento dello scambiatore di calore viene effettuato accendendo periodicamente la ventola di alimentazione o la valvola di bypass.

Insieme ai recuperatori di fabbrica, l’uso di unità fatte in casa è molto diffuso, perché realizzare un recuperatore d’aria con le proprie mani non è così difficile. Considera un recuperatore domestico in funzione.

Come puoi vedere, un recuperatore fatto in casa può essere abbastanza efficace.

Installazione ad aria forzata e di scarico con recuperatore

Consideriamo i modi di accordo sistemi di ventilazione del garage. La ventilazione del garage può essere naturale, combinata e meccanica.

  • Ventilazione naturale – questo è quando viene praticato un foro nella parete del garage per far passare l’aria, e un condotto dell’aria viene inserito nel soffitto per deviare l’aria di “scarico”.
  • Con la ventilazione combinata, l’afflusso viene lasciato naturale e il tubo di scarico è integrato con una ventola che funziona dalla rete per lo scambio d’aria forzato.
  • La ventilazione meccanica è il metodo di scambio d’aria più costoso, ma allo stesso tempo più efficace. Il deflusso e l’afflusso dell’aria sono forzati; è possibile un design con diversi moduli per l’afflusso e il deflusso dell’aria.

Il lavoro delle unità del sistema meccanico è coordinato, il modulo più costoso è un dispositivo che fornisce aria fresca. La progettazione di un tale dispositivo richiede un ventilatore, filtri, riscaldatore d’aria. Il recuperatore introduce funzionalità aggiuntive nel design, che abbiamo esaminato sopra..

Funzioni, lavoro, compiti

  1. Trasferimento di calore efficiente.
  2. Rimozione della condensa.
  3. Alte prestazioni.
  4. silenziosità

La temperatura ottimale per mantenere l’auto nella stagione fredda è di +5 gradi e l’uso di un tale sistema di alimentazione e scarico con un recuperatore spesso sostituisce l’uso di un sistema di riscaldamento.

Recuperatore fai-da-te

Se stai pensando di realizzare uno scambiatore di calore a piastre da solo, allora hai bisogno di 4 m2 di lamiera zincata, dovrebbe essere tagliata in piastre da 20 × 30 cm e metterle in una pila. Le piastre dovrebbero essere perfettamente uniformi, quindi se si utilizza la zincatura, sarà più conveniente tagliare una pila di tre fogli con una smerigliatrice che utilizzare le forbici per metallo. Per creare uno spazio remoto tra le piastre, è possibile attaccare ad esse una struttura di strisce di tappi tecnici (spessore 2mm). Gli spazi tra le piastre devono essere di almeno 4 mm in modo che non vi sia troppa resistenza al flusso d’aria. È importante scegliere la sezione trasversale corretta del recuperatore: la portata dell’aria deve essere uguale o leggermente superiore a 1 m / s. Dopo aver posato l’intera pila, riempire lo spazio con un sigillante neutro.

Dopo che il sigillante si è asciugato, le piastre devono essere inserite nella custodia (qualsiasi scatola di latta di dimensioni adeguate). Il corpo è fatto di stagno, in esso sono praticati dei fori, nei quali sono inserite flange di plastica, il cui diametro deve corrispondere al diametro dei condotti dell’aria. Tutte le fessure sono sigillate con sigillante siliconico. La scatola è realizzata in fibra di legno o compensato di 18 mm di spessore, tutte le pareti sono isolate con lana minerale. L’area totale delle piastre sarà di 3,3 m2 con una capacità di 150 m3 / h, il recuperatore così assemblato dovrebbe avere un’efficienza del 50-60%. In inverno, a una temperatura dell’aria esterna inferiore a -10 ° C, gli scambiatori di calore a piastre possono congelare, pertanto, per uno sbrinamento periodico, è necessario installare un sensore di variazione della pressione nella parte calda. Durante il congelamento, l’aria di mandata passerà attraverso il bypass e lo scambiatore di calore inizierà a scongelarsi riscaldato dall’aria di scarico.

Un moderno sistema di ventilazione domestica è un must. Dopotutto, solo i tradizionali condotti di ventilazione in cucina e in bagno non possono mantenere un clima interno sano. I materiali di finitura moderni sono spesso “non respiranti”, le tecnologie volte al risparmio energetico (la produzione di finestre in plastica, ad esempio) consentono di ottenere una stanza quasi ermetica. Un’installazione aggiuntiva di aria forzata e di scarico con un recuperatore contribuirà a garantire il normale ricambio d’aria e risolvere il problema dello sviluppo di funghi e muffe, che è particolarmente importante per le stanze umide con scarsa ventilazione. Pertanto, un recuperatore per un appartamento, una casa privata e ancora di più per un garage (l’umidità eccessiva nel garage porta inevitabilmente alla corrosione e i gas di scarico e i vapori di carburante in combinazione con l’aria “viziata” sono dannosi per la salute umana) è un dispositivo assolutamente necessario.

logo

Leave a Comment