Soffitto

Realizziamo un soffitto di cartongesso con le nostre mani: ci impegniamo per il risultato perfetto

Fai da te soffitto di gesso

Stai pensando di costruire il tuo soffitto a secco? Per una persona esperta realizzare una simile idea non è difficile, e per un principiante il compito è completamente risolto. Questo è un ottimo modo per risparmiare denaro e acquisire un’abilità importante se lo stai facendo per la prima volta. Avendo padroneggiato il soffitto, non sarà difficile per te fare pendii, moli, rivestire le pareti con questo materiale. Il muro a secco è molto popolare, quasi nessuna riparazione è completa senza il suo utilizzo. E ci sono una serie di ragioni per questo..

Soddisfare

  • Vantaggi dei soffitti a secco
  • Varietà di muro a secco, le loro proprietà
  • Installazione e installazione di controsoffitti
  • Come realizzare un soffitto a secco: istruzioni passo passo
  • Materiale di fissaggio al telaio
  • Dispositivo a soffitto di secondo livello

Vantaggi dei soffitti a secco

  1. Il muro a secco, un foglio costituito da gesso rivestito di cartone, è assolutamente ecologico. Non secerne tossine ed è anallergico. Pertanto, i soffitti da esso sono realizzati in camere da letto, asili nido e altri locali residenziali..
  2. La sua superficie è liscia, uniforme e senza crepe. Perfetto sia per la pittura che per la tappezzeria.
  3. Buon assorbimento acustico, qualità di isolamento termico.
  4. La capacità di creare un design originale del soffitto, ad esempio la costruzione di una struttura a più livelli usando lo stucco.
  5. Plasticità (i fogli possono essere piegati, inumiditi prima e quindi asciugati con aria calda, utilizzati per rifinire superfici curve).
  6. Aiuta a nascondere le comunicazioni (condotti di ventilazione, tubi dell’acqua, vari cavi), utilizzare tipi di apparecchi integrati.

Quindi, dopo aver apprezzato tutti i vantaggi, hai deciso di equipaggiare il controsoffitto con questo materiale di finitura. Il prossimo passo dovrai scegliere la sua varietà specifica.

Varietà di muro a secco, le loro proprietà

  • GKL – cartongesso, rivestito su entrambi i lati con cartone morbido incollato alla superficie del gesso. La lunghezza standard di tali fogli può essere 2000, 2500, 2600, 2750 e 3000 mm e larghezza 1200 mm. Hanno uno spessore di 12,5 e 9,5 mm. Per gli alloggi, è meglio usare 9.5 per alleggerire il peso della struttura. Scendi con il cartone grigio.
  • GKLO – cartongesso ignifugo. Di solito non viene utilizzato negli appartamenti, ma solo nelle fabbriche, per decorare condotti d’aria, alberi di comunicazione.
  • GKLV – cartongesso impermeabile. Viene utilizzato in bagni e cucine, bagni, ma solo se c’è ventilazione di scarico e protezione della superficie frontale con composti impermeabilizzanti, piastrelle in ceramica, vernici impermeabili, fondi o piastrelle in ceramica. Scendi con il cartone verde.
  • GKLVO – cartongesso resistente all’umidità con maggiore resistenza al fuoco. Combina le proprietà di tutto quanto sopra.
  • GVL – fogli di fibra di gesso. Non vengono incollati con il cartone. Il gesso è rinforzato con una speciale carta di scarto di cellulosa. Tali fogli hanno una maggiore durezza e resistenza alla fiamma. Corrispondono alle dimensioni standard di un foglio normale, ma il loro spessore è superiore a 6 o 10 mm.
  • GVLV – lastre di gesso resistenti all’umidità.

Installazione e installazione di controsoffitti

Questo è un design di 4 elementi principali:

1. Fogli per cartongesso.

Lastre per cartongesso

Fogli per cartongesso

2. Profili guida soffitto UD (28-27 mm) e profili dei CD principali soffitto (60×27 mm). Guide: sono attaccate al muro appena sotto il livello del soffitto lungo l’intera stanza attorno al perimetro. I profili dei cuscinetti principali (longitudinali) sono già inseriti in essi. Tra loro ci sono i principali profili secondari (trasversali). I fogli del muro a secco sono attaccati a questi profili (sia longitudinali che trasversali). Possono essere riconosciuti da bordi curvi a forma di C, ondulazioni longitudinali e irrigidimenti.

Profili per pareti e piastrelle

Collegamento del profilo principale del soffitto e della guida murale

3. Sospensioni dirette (universali) e con una clip. Molto spesso usano sospensioni universali dirette a forma di U, che sono fissate al soffitto principale e i profili principali sono già attaccati a loro. Le sospensioni hanno frequenti fori sui lati. Ciò consente di fissare il profilo a loro ad altezze diverse, regolandolo.

Soffitti di base

Posizione delle sospensioni sul soffitto di base

4. Elementi di collegamento: ancoraggi e tasselli, con i quali sono fissate sospensioni al soffitto, elementi di fissaggio a granchio – fissare il longitudinale principale con i profili trasversali principali, tasselli che fissano i profili guida al muro.

Tipicamente, i frame costituiti da profili su sospensioni sono divisi in due tipi: a livello singolo e multilivello.

Soffitti a secco anche anch’essi.

Per installare un soffitto a secco, sono necessari i seguenti strumenti:

  1. Livello (acqua migliore)
  2. Roulette
  3. Trapano con un perforatore con vari ugelli: per miscelare la soluzione, per perforare (trapano), per tagliare i fori necessari per le luci)
  4. Cacciavite
  5. Triangolo o quadrato semplice (per misurare gli angoli retti)
  6. Parafango o matita
  7. Seghetto da costruzione
  8. Lenza
  9. Aereo
  10. Lampada spot a soffitto

Per la fase finale del livellamento del soffitto avrai bisogno di:

  1. Carta vetrata
  2. Spatola
  3. stucco
  4. Coltello da costruzione
  5. Carro armato di mastice
  6. Nastro di rinforzo

Come realizzare un soffitto a secco: istruzioni passo passo

Dopo aver preparato tutti i materiali, gli strumenti e i componenti, è possibile procedere all’installazione.

1. Innanzitutto, determiniamo quanto il nuovo controsoffitto sarà sotto la base. Dovranno essere donati almeno 10 cm, perché la lampada da incasso standard avrà un’altezza di 9 cm.

2. Facciamo dei segni sulle pareti attorno al perimetro per fissare i profili guida. Per questi scopi, misuriamo l’altezza della stanza in tutti gli angoli. Avendo scelto l’angolo più basso, segniamo la distanza necessaria dal pavimento (ovvero dal pavimento, ma non dal soffitto), designiamo l’orizzontale lungo l’intera parete usando il livello dell’acqua. Le linee possono essere interrotte con un cavo per mascheratura nei punti indicati dal livello.

3. Sulle linee del muro praticiamo fori per tasselli nel muro con un passo di 30-40 ms, quindi fissiamo i profili guida.

4. Ora fissiamo le sospensioni sul soffitto con un gradino di 60-70 cm, dopo aver tracciato in precedenza linee parallele, contrassegnando.

5. Inserire i profili principali nelle guide.

Cornice per muro a secco

Cornice per soffitto in gesso: profili principali inseriti in binari e collegati a sospensioni

6. Fissiamo i profili principali alle sospensioni, quindi li pieghiamo. Per uniformità, si consiglia di tirare una lenza o un cavo.

7. Alleghiamo ai profili principali i profili secondari principali. Sono fissati in luoghi in cui si prevede di unire fogli di muro a secco. Si scopre una specie di griglia in metallo, che è un telaio a un livello.

8. Posare i fili per futuri cablaggi. Ricordarsi di tagliare le scanalature attraverso le quali passerà il cavo. Le scanalature devono essere posizionate nel muro dall’interruttore al soffitto. Dopo aver passato il cavo, eseguire il cablaggio nel soffitto, rilasciare le estremità libere per le lampade in punti predeterminati.

9. Il passaggio successivo consiste nel fissare il muro a secco al telaio.

Materiale di fissaggio al telaio

Dopo aver costruito il telaio metallico, è necessario collegare fogli di cartongesso ad esso. Questa è una procedura difficile, la cui attuazione è suddivisa in più fasi:

Fissaggio del muro a secco al telaio

Fissaggio di un foglio a secco su un telaio metallico: controllo di contornatura mediante livella a bolla d’aria

1. Tagliare con un seghetto – uno speciale con denti piccoli (o un normale coltello da ufficio). È meglio tagliare fogli di 120×250 o 120×125 cm.La cosa principale è che le estremità del foglio cadano esattamente sui reticoli del telaio di supporto. I fogli dovrebbero trovarsi su una superficie piana (preferibilmente sul tavolo) in orizzontale. Successivamente, lungo il livello, disegna sul muro a secco con un coltello dalla parte anteriore. Quindi far scorrere il foglio dal tavolo e romperlo. Dopo aver girato e tagliare il cartone dall’altra parte.

2. Il bordo formato dopo il taglio viene trattato con un piano. Dovrebbe risultare liscio, senza pieghe. Tutti i bordi sporgenti sono tagliati con un coltello affilato..

3. Aprire le aperture per le luci ad incasso e le prese a soffitto. Dovrebbero essere attentamente misurati, determinando la posizione esatta sul foglio, quindi contrassegnati e quindi tagliati con un trapano con l’ugello o il seghetto a mano desiderato. Se i tubi passano attraverso il muro a secco, è necessario eseguire il diametro del foro > 10 rispetto al diametro del tubo.

4. Decorazione del soffitto con cartongesso. Le lastre di cartongesso possono essere fissate ai telai in due modi: longitudinale e trasversale. Con montaggio trasversale, sono perpendicolari ai principali profili metallici di supporto. A longitudinale – in parallelo con i profili dei cuscinetti principali. Se sono presenti reticoli aggiuntivi, i fogli devono essere fissati dal loro angolo in due direzioni perpendicolari. Se non ci sono reticoli aggiuntivi, il fissaggio viene eseguito dall’estremità del foglio o dal suo centro. Le viti autofilettanti sono installate a 10-15 mm dal bordo dei fogli. Le viti sono installate dalla superficie anteriore del foglio perpendicolarmente e a una profondità tale che le loro teste non possono perforare il cartone e non sporgono sopra la superficie anteriore. Dovrebbero anche essere inclusi nel telaio metallico. > 10 mm di profondità. La lunghezza delle viti viene selezionata in base allo spessore totale della guaina del muro a secco prevista. La distanza massima consentita da una vite autofilettante all’altra è di 150 mm. Questo valore può essere raddoppiato se affrontato ripetutamente con le tessere. Le viti devono essere installate nel profilo guida più vicino alla sua parete posteriore, quindi la vite non sarà in grado di piegare il ripiano del profilo verso l’interno. Il cartone non deve essere arruffato nei punti in cui le viti verranno fissate. Se le viti sono deformate o sono state posizionate per errore, vengono rimosse e quelle nuove non vengono rimosse < 50 mm dalla posizione di montaggio non riuscita.

Importante! I giunti dei fogli devono trovarsi sul profilo!

Le lastre di cartongesso non devono essere eseguite vicino alle pareti. È meglio non riempire lo spazio, ma coprirlo con un angolo del soffitto. Quindi in caso di espansione delle piastre sarà possibile evitare la deformazione del soffitto. Quando si fissano direttamente le piastre al soffitto, è necessario lavorare insieme o utilizzare i supporti.

Le piastre devono essere posizionate orizzontalmente, regolate l’una rispetto all’altra e avvitate al telaio con viti.

Importante! Prima di installare il muro a secco non deve < 2 giorni per maturare nella stanza in cui verrà montato. Quindi acquisirà umidità e temperatura ambiente.

5. Articolazioni del mastice. Non stucco subito. Aspetta 2 giorni. Quindi ispezionare le articolazioni per difetti e ripararle. Per cancellare una superficie di particelle e polvere. È meglio usare un nastro di rinforzo, posizionandolo in tutte le articolazioni. Previene le screpolature. Se usi uno stucco costoso e di alta qualità, è sufficiente elaborare solo i giunti (e quindi dipingere sul vetro da una pistola a spruzzo), se economico, allora dovresti stuccare l’intero soffitto e quindi dipingere con un rullo. sequencing:

– pulire i bordi della cucitura, inumidirli, riempire le cuciture di stucco, premendolo con una spatola; – dopo aver applicato lo strato principale di mastice, stendere il nastro di rinforzo, premendolo con una spatola. Non lasciare bolle d’aria. Rivestire la superficie del nastro con un sottile strato di mastice e attendere la completa asciugatura; – lucidare le articolazioni con carta vetrata; – applicare uno strato di mastice su uno strato precedentemente essiccato; – applicare un altro strato livellante di mastice e lasciare asciugare; – rimuovere le irregolarità con carta vetrata.

Dispositivo a soffitto di secondo livello

Installazione del secondo livello del soffitto in cartongesso

Installazione del secondo livello del soffitto da muro a secco: la costruzione di una cornice figurata

  1. Pianifica in anticipo, disegna un disegno, disegnalo sul soffitto.
  2. Per battere l’altezza del secondo dal primo livello del soffitto.
  3. Risolviamo il profilo guida.
  4. Installiamo le guide principali del secondo livello alle guide principali, irrigidimenti del primo.
  5. Piegare il profilo per le sezioni di raggio necessarie.
  6. Alleviamo fili sotto le luci.
  7. Ho visto il piatto della forma desiderata e ripararlo, come al primo livello.
  8. Tagliamo una striscia di muro a secco e chiudiamo la scatola.
  9. Installiamo lampade.
  10. Intonacatura.

Se segui attentamente le istruzioni sopra, non ci saranno domande su come fissare il muro a secco al soffitto. Puoi fare tutto in modo ponderato e preciso. Basta mostrare pazienza, fare sforzi e puoi ottenere un design del soffitto eccellente fatto da te.

logo

Leave a Comment