Walls

Rivestimento murale in cartongesso fai-da-te: istruzioni, raccomandazioni

Rivestimento murale in cartongesso fai-da-te

Nella costruzione, vengono utilizzati vari metodi per allineare le pareti e migliorare il loro isolamento termico e acustico. Uno dei più semplici è il rivestimento murale con cartongesso. Considerare i vantaggi e gli svantaggi di questo materiale da costruzione, nonché l’adeguatezza del suo utilizzo.

Il muro a secco è costituito da fogli di cartone e gesso che si riempiono nel mezzo. A seconda dello spessore del foglio, della presenza di vari tipi di additivi e additivi nel nucleo di gesso, esistono diversi tipi di cartongesso.

Soddisfare

  • Tipi di cartongesso (classificazione per spessore del foglio)
  • Strumenti di materiale fragile
  • La procedura per l’esecuzione indipendente del lavoro

Tipi di cartongesso (classificazione per spessore del foglio):

  • soffitto (spessore lamiera 9,5 mm.);
  • parete (12,5 mm);
  • arcuato (6,5 mm).

In ambienti con elevata umidità (bagno, toilette), è meglio utilizzare cartongesso resistente all’umidità (GKLV), contenente speciali additivi anti-umidità e antifungini. Molto spesso, i fogli di cartongesso a prova di umidità sono verdi. Puoi anche usare un semplice muro a secco, ma è necessario proteggere la superficie anteriore dall’umidità con rivestimenti resistenti all’umidità: vernice, primer, piastrelle di ceramica. In una stanza con umidità normale, viene utilizzato il normale muro a secco (GCR). C’è anche un muro a secco resistente al fuoco (GKLO) con riempimento di rinforzo aggiuntivo, viene utilizzato per proteggere dal fuoco e dalle alte temperature. Fogli GKLO di colore rosso.

Il muro a secco ha molti vantaggi. Innanzitutto, un buon isolamento termico e acustico. In secondo luogo, l’uso del muro a secco consente di nascondere i cavi, i tubi di riscaldamento e l’alimentazione dell’acqua, semplificando notevolmente l’installazione di dispositivi di illuminazione per l’illuminazione. Va notato la semplicità e la velocità di installazione. Rivestire le pareti con il muro a secco con le proprie mani è del tutto possibile. Per far fronte all’installazione di strutture, sono sufficienti le conoscenze di base stabilite in questo articolo.

Il principale svantaggio del muro a secco è la fragilità. La partizione del cartongesso è molto più debole del mattone, il che complica in modo significativo l’attaccatura al muro di vari oggetti. Non sarai in grado di fissare il pannello al plasma alla partizione del cartongesso se non hai previsto questa possibilità durante l’installazione della partizione, perché la struttura è vuota. Inoltre, l’uso di cartongesso (anche resistente all’umidità) è indesiderabile in ambienti con umidità superiore al 70%.

Intonacare le pareti con cartongesso viene eseguito su profili di metallo zincato o su colla. L’incollaggio del cartongesso è più semplice ed economico, ma è possibile solo con una leggera curvatura delle pareti. Qui guardiamo l’installazione di muri a secco su profili metallici.

Strumenti di materiale fragile

Per murare le pareti con il muro a secco, abbiamo bisogno di:

  • fogli di cartongesso di gesso (12,5 mm);
  • profili metallici zincati;
  • connettori a livello singolo (“granchi”);
  • sospensioni per profili;
  • forbici per metallo;
  • Bulgaro;
  • Cacciavite;
  • trapano con trapani;
  • trapano a percussione;
  • Viti metalliche 4mm, per cartongesso 25mm;
  • coltello da muro a secco;
  • fissaggi per profili: scudi bullone di espansione “installazione rapida”;
  • nastro insonorizzante;
  • marcatore;
  • livello;
  • filo a piombo;
  • roulette;
  • filo da pesca o filo;
  • serpyanka;
  • stucco per sigillare giunti;
  • Spatola.

La procedura per l’esecuzione indipendente del lavoro

  1. markup.
  2. Montaggio di sospensioni e profili.
  3. Supporto per muro a secco.
  4. Cucitura.

1. La marcatura viene eseguita mediante metro a nastro, filo a piombo e livello. Innanzitutto è necessario determinare il grado di curvatura delle pareti. Sul muro, è necessario contrassegnare i punti per il fissaggio delle sospensioni, a cui verranno successivamente attaccati i profili dei cuscinetti. Le sospensioni devono essere posizionate rigorosamente in verticale a una distanza di 80 cm l’una dall’altra. Lungo la parete sul pavimento e sul soffitto segnare i punti di montaggio dei profili guida. A seconda della resistenza strutturale richiesta, vengono utilizzati profili di diverse dimensioni. Per una costruzione più solida, vengono utilizzati i profili: guide UD27 (28 – 27 mm), cuscinetto CD60 (60 – 27 mm). Opzione Economy: guide UD17 (21? 17mm), cuscinetto CD47 (47? 17mm).

I profili dei cuscinetti devono essere posizionati a una distanza di 60, 40 o 30 cm tra i centri dei loro assi, il che è molto importante, poiché la larghezza dei fogli del muro a secco è di 120 cm; è necessario che le cuciture tra i fogli passino al centro dei profili. Il primo profilo di supporto è montato a una distanza di 20-50 cm dall’angolo. Minore è la distanza tra i profili verticali, più forte è la struttura, ma più profili saranno necessari, il che aumenterà significativamente i costi di installazione. Puoi rafforzare il design in un altro modo, più economico: utilizzando una sovrapposizione a due strati con lastre di gesso. In questo caso, il secondo strato di piastre viene posizionato in modo tale da evitare la corrispondenza delle cuciture.

Fissaggio alla sospensione del profilo di supporto

Fissaggio alla sospensione del profilo di supporto

2. Il montaggio di sospensioni e profili è il processo più complesso e critico. Innanzitutto, dovresti tagliare il profilo della lunghezza desiderata usando una smerigliatrice o delle forbici per metallo. Il profilo guida superiore viene fissato per primo. Per fare questo, praticare dei fori nel soffitto con un perforatore e fissare il profilo con tasselli di espansione. Tra il profilo e il muro è posato un nastro insonorizzante. Quindi, utilizzando un filo a piombo, è necessario contrassegnare il punto di attacco del profilo inferiore. Il metodo di fissaggio del profilo inferiore ripete esattamente il metodo di fissaggio della parte superiore. È necessario assicurarsi che entrambi i profili guida siano sullo stesso piano strettamente verticalmente uno sotto l’altro.

Quindi, correggere i profili della guida laterale. Dopo aver installato il perimetro dai profili guida, le sospensioni vengono fissate al muro, che vengono esposte in una linea verticale mediante un filo a piombo. Successivamente, viti autofilettanti da 4 mm sono fissate alle sospensioni del profilo di supporto verticale. In questo caso, l’uniformità dei profili verticali deve essere verificata con una lenza allungata tra il profilo superiore e quello inferiore. Se l’altezza dei soffitti è superiore a 2,5 m, la lunghezza del foglio del muro a secco non è sufficiente, nei giunti sarà necessario installare ponticelli orizzontali, fissandoli con connettori a livello singolo (“granchi”). In questo caso, evitare giunti a forma di croce tra i fogli di cartongesso, quindi i fogli sono fissati con offset.

Rivestimento murale in cartongesso

Vengono utilizzate viti speciali per fissare le piastre del muro a secco al profilo

3. Il fissaggio delle lastre in cartongesso viene eseguito con speciali viti autofilettanti lunghe 25 mm. Il primo foglio deve tagliare un bordo sottile. Tagliare i fogli è abbastanza facile: è sufficiente tagliare il cartone con un coltello da un lato, quindi spezzarlo lungo la linea di taglio dall’altro. Il foglio per cartongesso viene installato in modo che il bordo passi al centro del profilo di supporto, le viti vengono avvitate fino a quando la testa non viene affogata di 1 mm nel muro a secco. Innanzitutto, vengono installati interi fogli, quindi gli inserti. La distanza tra le viti deve essere ai bordi di 10-15 cm, al centro del foglio 20-25 cm. Per evitare scheggiature del muro a secco, le viti estreme vengono avvitate a una distanza di 10 cm dagli angoli del foglio. Al fine di migliorare l’isolamento termico e acustico, lo spazio tra le pareti del muro a secco e il muro può essere riempito con lana minerale.

Per un ulteriore isolamento termico e acustico, i vuoti sono riempiti con lana minerale

La struttura del telaio consente di posare uno strato di isolamento e un cavo di alimentazione sotto il muro a secco

4. La sigillatura dei giunti deve avvenire a una temperatura non inferiore a + 10 °, inoltre, entro tre giorni dalla sigillatura, la temperatura e l’umidità non devono cambiare. Tutte le giunture e le giunzioni sono pulite da polvere e innescate; in quei punti in cui i fogli non sono stati tagliati, le cuciture sono incollate con una serpentina (in modo che lo stucco sulle articolazioni non si spezzi). Un angolo perforato viene incollato agli angoli esterni mediante stucco. Successivamente, la sigillatura tra i fogli di cartongesso viene eseguita in due fasi: in primo luogo, riempire le crepe e dopo l’asciugatura, allineare le articolazioni. Dopo la sigillatura, le cuciture vengono levigate con carta vetrata e innescate..

Riempimento dei giunti tra i fogli a secco

Il riempimento dei giunti tra i fogli di cartongesso viene effettuato in due fasi: prima riempire i giunti con stucco, quindi allinearli

Il risultato di questo lavoro sarà una parete piatta, pronta per ulteriori decorazioni. Ora puoi incollare carta da parati, stucco per dipingere o incollare piastrelle di ceramica. I fogli del muro a secco nasconderanno tutti i dossi nel muro.

logo

Leave a Comment