Fornitura d'acqua

Trattamento delle acque reflue – metodi e attrezzature speciali

Pulizia di scarichi

Lo stato dell’ambiente oggi, purtroppo, lascia molto a desiderare. Questo è il risultato dell’uso incurante delle risorse naturali. Il consumo umano di acqua è in costante crescita e le riserve di acqua pulita in natura diminuiscono ogni anno. L’uso di detergenti e vari prodotti chimici domestici inquina molto le acque reflue delle città moderne, il che complica notevolmente il trattamento degli effluenti. Le acque reflue contengono molti inquinanti diversi, dai componenti meccanici ai composti chimici complessi, quindi il trattamento delle acque reflue è un processo complesso e multilivello.

Soddisfare

  • Metodi di trattamento delle acque reflue.
  • Fasi del trattamento delle acque reflue negli impianti di trattamento delle acque reflue.
  • Attrezzature per la pulizia meccanica.
  • Strutture di trattamento biologico.

 

Tutti i metodi di trattamento delle acque reflue possono essere suddivisi in metodi distruttivi e di recupero. Il risultato di metodi di pulizia distruttivi sarà la decomposizione di inquinanti complessi in semplici inquinanti, che verranno rimossi dall’acqua sotto forma di gas, o precipitati o rimossi sciolti in acqua, ma neutralizzati. Il risultato dei metodi di trattamento di recupero sarà l’estrazione di tutte le sostanze preziose dalle acque reflue per l’ulteriore elaborazione.

Metodi di trattamento delle acque reflue

  1. Meccanico;
  2. Biologico;
  3. Fisico e chimico;
  4. Disinfezione delle acque reflue;
  5. Smaltimento termico.

1. Il metodo meccanico è il più semplice. Mediante trattamento meccanico, i componenti insolubili che inquinano l’acqua, sia il grasso solido che quello superficiale, vengono rimossi dalle acque reflue. Le acque reflue passano prima attraverso le grate, poi attraverso i setacci e i pozzetti. Componenti più piccoli vengono fatti precipitare da trappole di sabbia. Il trattamento delle acque reflue da prodotti petroliferi viene effettuato utilizzando trappole per grassi e trappole per gasolio. Un metodo avanzato di pulizia meccanica – la membrana – viene utilizzato insieme ai metodi tradizionali e consente una pulizia più accurata. Il trattamento meccanico delle acque reflue è un preparato per il trattamento biologico e consente di rimuovere fino al 70% delle impurità dalle acque reflue domestiche e fino al 95% dalle acque reflue industriali.

2. Il trattamento biologico delle acque reflue è dovuto alla vita di microrganismi in grado di ossidare la materia organica. La base per lo sviluppo di questo metodo è la purificazione naturale di fiumi e bacini da parte della microflora che li popola. Pertanto, gli effluenti vengono liberati da azoto organico e fosforo. Il trattamento biologico è aerobico e anaerobico.

Aerazione delle acque reflue

Costruzione per il trattamento aerobico delle acque reflue a causa dell’attività vitale dei batteri

  • Il trattamento aerobico delle acque reflue viene effettuato utilizzando batteri aerobici, per la durata della quale è necessario ossigeno. Con questo trattamento vengono utilizzati biofiltri e serbatoi di aerazione con fanghi attivi. I serbatoi di aerazione hanno un alto grado di purificazione e sono più efficaci dei biofiltri per il trattamento delle acque reflue. Nei serbatoi di aerazione vengono eseguiti l’aerazione dell’acqua e il suo trattamento biologico profondo. Inoltre, il risultato è il fango attivato, che è un buon fertilizzante.
  • Il trattamento anaerobico delle acque reflue viene eseguito senza ossigeno. Se esposto a batteri anaerobici, si verificano fermentazione e conversione di sostanze organiche in metano e anidride carbonica. Per questo metodo vengono utilizzati meta-serbatoi. La pulizia anaerobica è meno costosa della pulizia aerobica, poiché non richiede aerazione.

3. Il metodo fisico-chimico include elettrolisi, coagulazione e precipitazione del fosforo con sali di ferro e alluminio.

4. La disinfezione delle acque reflue si verifica a seguito di radiazioni ultraviolette, trattamento con cloro o ozonizzazione. Viene utilizzato per la disinfezione prima dello scarico nei corpi idrici..

  • La disinfezione UV è un metodo più efficiente e più sicuro della clorazione, poiché non produce sostanze tossiche nocive. Le radiazioni ultraviolette hanno un effetto dannoso su quasi tutti i microrganismi e distruggono efficacemente gli agenti causali di colera, dissenteria, tifo, epatite virale, poliomielite e altre malattie.
  • La clorazione si basa sulla capacità del cloro attivo di interrompere i microrganismi. Uno svantaggio significativo di questo metodo è la formazione di tossine e agenti cancerogeni contenenti cloro.
  • Ozonizzazione: disinfezione degli effluenti con ozono. L’ozono è un gas composto da molecole di ossigeno triatomico, un potente agente ossidante che uccide i batteri. Questo è un metodo di disinfezione piuttosto costoso in cui il rilascio di sostanze nocive: aldeidi e chetoni.

5. Lo smaltimento termico viene utilizzato per le acque reflue di processo quando altri metodi sono inefficaci. La sua essenza è che gli effluenti spruzzati vengono disinfettati in una torcia di combustibile bruciato.

Nei moderni impianti di trattamento delle acque reflue, le acque reflue vengono sottoposte a trattamento graduale, mentre i metodi sopra descritti vengono successivamente applicati.

Combustione di acque reflue mediante un'unità svasata

Lo smaltimento termico delle acque reflue consiste nella disinfezione degli effluenti in una fiamma di combustibile in fiamme

Fasi del trattamento delle acque reflue negli impianti di trattamento delle acque reflue

  • pulizia meccanica preliminare;
  • trattamento biologico;
  • trattamento terziario;
  • disinfezione.

Attrezzature per la pulizia meccanica

  • grigliati – aste quadrate con aperture fino a 16 mm;
  • trappole di sabbia (installate quando si puliscono più di 100 m3 al giorno);
  • medi (impostare se è necessaria la media della composizione);
  • vasche di sedimentazione (ci sono orizzontali, verticali, radiali, a due livelli);
  • fosse settiche (usate per pulire gli scarichi che vanno a filtrare trincee, pozzi e campi sotterranei di filtraggio);
  • idrocicloni (necessari per pulire le acque reflue dai solidi sospesi);
  • centrifughe (emettono sostanze finemente disperse quando i reagenti non possono essere utilizzati);
  • unità di galleggiamento (utilizzate per la separazione di oli, grassi, prodotti petroliferi);
  • degasatori (rimuovere i gas disciolti in acqua).
Ilosos, impianto di trattamento biologico

Ilosos – impianto di trattamento delle acque reflue con fanghi attivi

Strutture di trattamento biologico

  • pre-aeratori e bio-coagulatori (ridurre la concentrazione di ioni di metalli pesanti e altri inquinanti);
  • filtri biologici;
  • aerotank, pompe per fanghi, metatank (strutture per la pulizia con metodi aerobici e anaerobici);
  • vasche di sedimentazione secondarie, separatori di fanghi e campi di filtrazione (progettati per il trattamento biologico completo degli effluenti);
  • stagni biologici (destinati alla depurazione profonda di effluenti contenenti molte sostanze organiche).

Nel trattamento delle acque reflue, vengono neutralizzate e filtrate. La disinfezione o disinfezione viene effettuata con cloro (il cloro è necessario) o elettrolisi (è necessaria la costruzione di impianti di elettrolisi).

Come puoi vedere, il trattamento delle acque reflue è un processo in più fasi che richiede un approccio scientifico e la conformità a tutte le norme e gli standard sanitari. I metodi considerati di trattamento delle acque reflue sono usati in combinazione. La scelta del metodo dipende dalla natura dell’effluente, dalla sua quantità, dal tipo e anche dalla concentrazione di inquinanti.

logo

Leave a Comment